Oltre mille militari continuano a cercare Igor il russo anche nel ravennate

Nelle ultime ore sono emersi nuovi inquietanti dettagli sul killer, tra cui le sue numerose identità e quello che sembrerebbe essere il suo vero nome

Foto tratta da Facebook

Continuano senza costa le ricerche eseguite da più di mille militari dislocati in tutta la zona di pianura tra Bologna, Ferrara e Ravenna. I carabinieri continuano a presidiare anche nel ravennate con posti fissi i punti nevralgici, in particolar modo ai confini con le province di Ferrara e Bologna, alla ricerca di Igor il russo, su cui ogni giorno emergono nuovi inquietanti dettagli. Si pensa che l'uomo sia ancora nascosto nelle boscaglie tra Campotto e Marmorta, nella zona di Molinella dove domenica i cani molecolari hanno trovato un giaciglio dove si pensa che Igor abbia riposato per qualche ora durante la fuga.

Nel ravennate nella giornata di lunedì ci sono state delle segnalazioni da parte dei cittadini, tutte accuratamente verificate dai carabinieri, a Ravenna e Mezzano. Nessuna ha però trovato riscontro positivo. I militari invitano tuttavia la popolazione a segnalare senza problemi ogni sospetto, dal momento che ogni dettaglio potrebbe risultare utile. Dall'aeroporto di Forlì anche nella giornata di lunedì hanno continuato a levarsi in volo gli elicotteri dell'Arma.

Come si diceva nelle ore passate era stato trovato anche una sorta di giaciglio del ricercato, indagato per gli omicidi del barista Davide Fabbri di Budrio e dell'agente Valerio Verri a Portomaggiore. Il rifugio rudimentale, dove c'erano anche alcuni viveri, era però stato abbandonato. Gli sviluppi giudiziari emersi nella giornata domenica si basano su testimonianze fondamentali, che hanno portato gli inquirenti ai riscontri per attribuire i due omicidi al killer in fuga, ancora braccato dagli uomini dell'Arma che battono 15 chilometri quadrati nell'area tra Argenta e Molinella.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli inquirenti nelle ultime ore hanno scoperto i numerosi alias utilizzati dal killer in diverse situazioni: tra questi anche un nome, Ezechiele Norberto Feher, presente su Facebook, che potrebbe essere proprio il vero nome del ricercato. Nel suo profilo dichiara di vivere a Valencia, di essere nato a Szabadka (la città serba di Subotica) e di essere un lavoratore autonomo, e nelle foto pubblicate fino a qualche settimana fa si vede Ezechiele scattarsi selfie in diversi luoghi del ferrarese, alcune anche insieme ai cosplayers del Ferrara Comics del 2016.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • Si cappotta in un campo col camion: portato a Bologna in elicottero, è gravissimo

  • Scompare da casa, vasta ricerca delle forze dell'ordine su tutto il territorio

  • Il Coronavirus si porta via un medico: "Una splendida persona sempre disponibile"

  • Fortissima esplosione in un'abitazione: uomo ferito in condizioni gravissime

  • Coronavirus, rallentano i contagi e crescono i guariti. Ma Ravenna conta un altro morto

Torna su
RavennaToday è in caricamento