Oltre 400 persone in piazza per festeggiare la Befana tra canti e regali

Ci sono poi state animazioni con Le farsette di Fagiolino e Sandrone, la Zampogna dei Cisalpipers, Babbo Natale e la Renna sui trampoli

Domenica 6 gennaio oltre 400 persone hanno festeggiato l’Epifania in piazza della Libertà a Bagnacavallo. Bambini e famiglie si sono ritrovati nel pomeriggio dapprima per ascoltare i canti degli alunni della scuola d’infanzia, poi è arrivata la Befana che ha portato in omaggio a tutti il gioco in legno “la lucertola dell’orto”. Ci sono poi state animazioni con Le farsette di Fagiolino e Sandrone, la Zampogna dei Cisalpipers, Babbo Natale e la Renna sui trampoli. La piazza ospitava inoltre La Fabbrica naturale dove divertirsi con giochi di legno e dell’ingegno e Il Castello delle scope con il laboratorio delle streghe. Come da tradizione, la giornata si è conclusa tra vin brulé e merende.

La grande festa della Befana di Bagnacavallo è stata promossa da Comune e associazione culturale Civiltà delle Erbe Palustri in collaborazione con associazione musicale Doremi e Pro Loco. Sempre domenica 6 gennaio festeggiamenti per l’Epifania si sono tenuti anche a Villanova, a cura di Consiglio di zona e associazione Genitori di Babbo Natale e Befana, e Masiera, dove a collaborare con il Consiglio di zona sono state le associazioni L’Olmo Masiera, Amici della Casa del Popolo e Discipline Orientali Masiera. Tutte le iniziative facevano parte del calendario Bagnacavallo d’inverno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • La Finanza scopre un giro di fatture false per quasi un milione: maxi sequestro

  • Black Friday, gli sconti da non perdere in negozio e online

  • Il furgone esce di strada e si cappotta contro un cartellone pubblicitario: paura per due persone

  • Maltempo senza tregua, fiumi e canali osservati speciali. E sul litorale una domenica critica

  • Qualità della vita, criminalità altissima a Ravenna: peggio di lei solo Milano, Rimini e Trieste

Torna su
RavennaToday è in caricamento