Castiglione, c'è un nome per l'assassino di Desiante: "Ha agito da solo, lasciando Rocco in agonia"

L'arrestato venerdì mattina è stato sottoposto a interrogatorio, durante il quale si è avvalso della facoltà di non rispondere

Foto Massimo Argnani

Svolta nelle indagini dell'omicidio di Rocco Desiante, il 43enne pugliese pizzaiolo trovato morto a inizio ottobre in un appartamento di Castiglione di Cervia. Venerdì la Procura della Repubblica ha infatti arrestato un giovane di nazionalità rumena, che negli ultimi tempi avrebbe avuto rapporti anche molto intensi con la vittima, ritenuto responsabile dell'efferato delitto in base a una serie di elementi indiziari. Il fermato venerdì mattina è stato sottoposto a interrogatorio, durante il quale si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il fermo è scattato su richiesta dei Pm titolari Alessandro Mancini e Antonio Vincenzo Bartolozzi e ora dovrà essere sottoposto alla convalida del giudice per le indagini preliminari. Ancora da chiarire il movente, che potrebbe trovare riscontro in una questione di debiti di droga.

In base ai primi elementi raccolti, pur essendo ancora aperte altre ipotesi, l'omicida avrebbe agito da solo, a differenza di quanto ipotizzato in un primo momento dagli inquirenti. Tuttavia gli investigatori non escludono che, durante le indagini, possa saltare fuori qualche complicità, se non nella consumazione dell'omicidio almeno sotto altri profili. Vi sarebbe comunque una serie di indizi grave, tale da giustificare il fermo, che scaturirebbe sia da accertamenti investigativi dei Carabinieri di Cervia-Milano Marittima, che hanno svolto le indagini coordinate dalla Procura, su alcune operazioni effettuate sul cellulare della vittima, sia in merito agli abiti che il rumeno indossava la sera del delitto, che non sarebbero stati ritrovati nella sua abitazione. Altro elemento importante che ha indirizzato gli inquirenti verso la cerchia dei conoscenti di Desiante è il fatto che la chiave dell'abitazione in cui è stato ritrovato il cadavere era inserita dall'interno nella porta, sulla quale non erano presenti segni di scasso, quindi con tutta probabilità la vittima conosceva il suo carnefice, al quale avrebbe aperto la porta.

Dagli esiti medico-legali sull'autopsia del cadavere, intanto, arriva la conferma che Desiante sarebbe morto nella notte tra mercoledì e giovedì, circa 90 ore rispetto al ritrovamento di domenica. La morte sarebbe dovuta a una grossa quantità di lesioni molto importanti: il 43enne aveva il cranio fratturato, cosa che ha provocato un'emorragia massiva che a sua volta ha causato un'insufficienza respiratoria e un grosso calo di pressione, che ha portato alla morte dell'uomo in un tempo non inferiore alle due ore. L'uomo, dunque, avrebbe patito a lungo prima di morire. Il pizzaiolo è stato trovato in un lago di sangue, e sangue in grosse quantità era presente anche sulle pareti dell'appartamento. L'esito dell'autopsia ha invece escluso l'utilizzo di armi da fuoco durante l'omicidio, come ipotizzato in un primo momento: il taglio sotto all'orecchio sarebbe dovuto a colpi sferrati con violenza con un corpo contundente, non ritrovato sul luogo del delitto.

Il plauso del sindaco di Cervia

"Esprimo un sincero plauso all’Arma dei Carabinieri e alla Magistratura per l’operato svolto e per la celerità con cui hanno condotto le indagini, individuando il presunto autore sul quale si concentrano indizi precisi, gravi e concordanti - commenta il primo cittadino di Cervia Luca Coffari - Un omicidio efferato e violento, un episodio estraneo alla nostra comunità e che ha colpito tutta la cittadinanza".

Foto Massimo Argnani

LE NOTIZIE DI OGGI

Si toglie la vita in pineta, gli amici increduli: "Sembrava così felice, stava per laurearsi"
Castiglione, c'è un nome per l'assassino di Desiante: "Ha agito da solo, lasciando Rocco in agonia"
Ancora un tetro ritrovamento: nelle valli spunta un cadavere, sarebbe morto da mesi
Si è spento l'ex sindaco e medico di Cotignola, paese in lutto: "Persona di straordinaria umanità"
Sfide nel Weekend: vintage ed elettronica in fiera, passatelli e polenta in sagra

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in azienda: precipita dal tetto e muore dopo un volo di otto metri

  • Si allena con la bici per l'Ironman, ma in autostrada: caos sull'A14

  • Camion resta bloccato sul ponte: "Pericolosissimo, si aspetta che crolli?"

  • Scoppia un incendio nell'azienda di pallet: alta colonna di fumo nero in cielo

  • Escort e over 45, trasgressione senza età: il lato piccante di Ravenna

  • Sbanda con l'auto e finisce contro la colonnina del metano: Vigili del fuoco al lavoro

Torna su
RavennaToday è in caricamento