Omicidio di Castiglione, convalidato il fermo del 19enne: avrebbe ucciso lui Rocco Desiante

Il fermo era scattato su richiesta dei Pm titolari Alessandro Mancini e Antonio Vincenzo Bartolozzi sulla base degli elementi raccolti

Il Gip del Tribunale di Ravenna, all’esito dell’udienza di convalida del fermo, ha applicato la misura detentiva della custodia cautelare in carcere al 19enne romeno ritenuto responsabile dell'omicidio di Rocco Desiante, il 43enne pugliese pizzaiolo trovato morto a inizio ottobre in un appartamento di Castiglione di Cervia. Il fermo era scattato su richiesta dei Pm titolari Alessandro Mancini e Antonio Vincenzo Bartolozzi sulla base degli elementi raccolti dai Carabinieri del nucleo investigativo, insieme ai colleghi della compagnia di Cervia-Milano Marittima e ai Ris di Parma.

C'è un nome per l'assassino di Desiante: "Ha agito da solo, lasciando Rocco in agonia"

"Esprimo un sincero plauso all’Arma dei Carabinieri e alla Magistratura per l’operato svolto e per la celerità con cui hanno condotto le indagini, individuando il presunto autore sul quale si concentrano indizi precisi, gravi e concordanti - commenta il primo cittadino di Cervia Luca Coffari - Un omicidio efferato e violento, un episodio estraneo alla nostra comunità e che ha colpito tutta la cittadinanza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cause, sintomi e rimedi per l'anoressia sessuale

  • Tutta la comunità di Classe in lutto: dopo una lunga malattia è morto Andrea Panzavolta

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Schianto tra camion e furgone all'incrocio: operaio grave in ospedale

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

Torna su
RavennaToday è in caricamento