Donna uccisa e gettata nel pozzo, l'appello ribalta e condanna il marito a 23 anni

Verdetto ribaltato a sorpresa: la condanna è a 23 anni e mezzo per omicidio. E' la decisione della Corte d'assise d'appello di Bologna, che ha ribaltato la sentenza di primo grado

Verdetto ribaltato a sorpresa: la condanna è a 23 anni e mezzo per omicidio. E' la decisione della Corte d'assise d'appello di Bologna, che ha ribaltato la sentenza di primo grado, quando per la stessa persona arrivò l'assoluzione. A subire la pesante condanna è l'imprenditore Marco Cantini, accusato di aver ucciso la moglie.

Fu trovata in fondo ad un pozzo la cubana Yanexy Gonzales Guevara. Il ritrovamento avvenne il 2 settembre 2008 a Lugo. Da quel momento il marito fu il primo indiziato, ma tuttavia durante il processo di primo grado, a Ravenna, venne riconosciuta la sua estraneità ai fatti e quindi assolto e scarcerato. Nel processo di appello, invece, il procuratore generale ha chiesto l'ergastolo e la corte ha accordato una condanna a 23 anni e mezzo, l'interdizione dai pubblici uffici, la revoca della potestà sui figli e significativi risarcimenti per i famigliari della donna. Molto probabile il ricorso in Cassazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • Bancomat, Pos e carte di credito in tilt: caos per prelievi e pagamenti in tutta Italia

Torna su
RavennaToday è in caricamento