Operazione 'Adriatic Coast' sulla filiera ittica: multe per 16mila euro e 143 kg di pesce sequestrato

Durante tutto l’arco dell’operazione sono stati effettuati 173 controlli, 42 ispezioni a punti di sbarco, mercati ittici, grande distribuzione, ristoranti e altro con un impiego di 60 militari

Si è conclusa dopo tre giorni di attività l’operazione complessa denominata “Adriatic Coast” coordinata dal CCAP (Centro Controllo Area Pesca) della Direzione Marittima di Ravenna nell’ambito dell’intera filiera ittica; una mirata attività di controllo e di polizia, volta a prevenire e reprimere gli illeciti relativi alla pesca e commercializzazione del pescato, nonché finalizzata a garantire una costante tutela della legalità a favore del consumatore finale.

I militari della Guardia Costiera di Ravenna e di tutti gli altri comandi del litorale emiliano-romagnolo hanno operato per garantire il corretto svolgimento delle varie fasi della filiera della pesca, mediante un’attenta e costante presenza sul territorio, al fine di salvaguardare la legalità e la salubrità dei prodotti a garanzia dei consumatori e dell’ambiente. Nel corso dell’operazione, infatti, si è dato corso a un intenso sistema di controlli e verifiche svolte secondo la consueta modalità “mare/terra”, ovvero con pattuglie operanti congiuntamente – e nelle diverse fasi della “giornate di pesca” – sia in mare che via terra, pertanto, sia in fase di esercizio dell’attività di pesca che in quella di commercializzazione all’ingrosso e al dettaglio del prodotto pescato operando nei punti vendita.

Da Goro e Cattolica - limiti territoriali della Direzione Marittima emiliano romagnola - le irregolarità riscontrate più frequentemente sono l’errata e fuorviante etichettatura dei prodotti venduti nelle fasi precedenti la vendita al dettaglio, la violazione delle norme sanitarie relative alla commercializzazione dei molluschi bivalvi vivi, l’immissione in commercio di prodotto sottomisura e  anche la commercializzazione di prodotto di minor pregio, venduto per specie di maggiore qualità (ad esempio “molva” venduta come “baccalà”).

In ultimo, durante l’arco dell’intera giornata di giovedì un controllo eseguito a Lido Adriano ha portato al sequestro di 150 metri di reti da posta e altri attrezzi da pesca mentre, a Punta Marina, oltre 40 metri di rete da posta e un motore marino sono stati posti sotto sequestro e il prodotto ittico rinvenuto è stato portato a ispezione sanitaria da parte di un medico veterinario dell’Ausl Romagna e, eventualmente, sarà devoluto in beneficenza. Ai trasgressori sono state quindi comminate due sanzioni da 1000 euro e una da 866 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante tutto l’arco dell’operazione sono stati effettuati 173 controlli, 42 ispezioni a punti di sbarco, mercati ittici, grande distribuzione, ristoranti e altro con un impiego di 60 militari sull’intero territorio e per un totale di 143 chili di prodotto ittico sequestrato elevando complessivamente 16mila euro di sanzioni ai vari trasgressori. Gli uomini e le donne della Guardia Costiera della Direzione Marittima dell’Emilia Romagna continuano senza sosta a operare per garantire la legalità della filiera della pesca, mediante la presenza attenta e costante sul territorio e in tutte le fasi nevralgiche della stessa a tutela del consumatore finale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • A pochi giorni di distanza il Coronavirus porta via marito e moglie

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

  • Schianto all'incrocio con un camion: anziano in ospedale in condizioni gravissime

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

Torna su
RavennaToday è in caricamento