Siccità e temperature record: boschi a rischio incendio, vietato bruciare stoppie e legname

L’Agenzia per la protezione civile ricorda in ogni caso che, prima di procedere agli abbruciamenti durante i lavori agricoli, è obbligatorio darne comunicazione ai Vigili del Fuoco

Temperature sopra la media del periodo, persistenti condizioni di tempo secco e aumento degli incendi registrato nei giorni scorsi in varie Province che hanno richiesto l’intervento di squadre e di elicotteri per lo spegnimento. Sono queste le condizioni che hanno fatto nuovamente scattare in tutta l’Emilia-Romagna lo stato di attenzione per gli incendi nei boschi. Il provvedimento è stato emesso dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, dopo il vertice in Regione con i rappresentanti della direzione regionale dei Vigili del fuoco, del Comando Regione Carabinieri Forestali e di Arpae Emilia Romagna. 

Ne è seguita una nuova ordinanza del Comune, dopo quella che è stata in vigore fino al 10 marzo scorso, con la quale si istituisce il divieto di bruciare stoppie, legname e altri residui vegetali di lavori agricoli e forestali, da oggi al 26 marzo. L’Agenzia per la protezione civile ricorda in ogni caso che, prima di procedere agli abbruciamenti durante i lavori agricoli, è obbligatorio darne comunicazione ai Vigili del Fuoco al numero verde 800841051.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vanno dal meccanico dopo l'incidente e ne fanno un altro: curiosa "scia" di sinistri

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • La crema antirughe dell'azienda di Cotignola vince il premio 'Bio Awards'

  • Elisa, Alessandra Amoroso, Guccini e Tiromancino: ospiti di lusso per "Imaginaction"

  • Agricoltori in ginocchio: "Crisi senza precedenti, le aziende gettano la spugna"

  • Picco di enterococchi in mare: scatta il divieto di balneazione

Torna su
RavennaToday è in caricamento