Ospitalità a cittadini stranieri: gli adempimenti per chi fornisce alloggio

Il modulo, comprensivo delle relative istruzioni, è scaricabile dal sito internet della Questura di Ravenna

La Questura di Ravenna comunica, per quanto di competenza, che a partire dal 3 giugno 2019 la dichiarazione di ospitalità ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. 286/1998 sarà ricevuta unicamente nel formato 'pdf' attraverso la casella di posta elettronica dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico urp.quest.ra@pecps.poliziadistato.it. Il modulo in questione, comprensivo delle relative istruzioni, è scaricabile dalla seguente pagina internet della Questura di Ravenna: http://questure.poliziadistato.it/it/Ravenna/articolo/7905babbd571d16857 7322952.

Ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. 286/1998, “chiunque ospita o da alloggio ad uno straniero (secondo la normativa per straniero si intende il cittadino extracomunitario), o gli cede beni immobili, ha l'obbligo di darne comunicazione scritta entro 48 ore all'autorità locale di pubblica sicurezza”. La comunicazione è sempre dovuta, indipendentemente dalla durata dell’ospitalità o dal fatto che si tratti di ospitalità a parenti o affini. Alla comunicazione scritta, compilata in ogni parte, devono essere allegati: le fotocopie di un documento d’identità del dichiarante e del cessionario, e copia della documentazione comprovante la proprietà o il titolo di godimento dell’immobile (atto di proprietà, contratto di locazione registrato, etc.).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ennesimo violento schianto all'incrocio pericoloso: tre giovani in ospedale

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Muore a 57 anni dopo un'operazione: si indaga per omicidio colposo

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

Torna su
RavennaToday è in caricamento