Petardi vietati nel centro di Castel Bolognese fino all'Epifania

I trasgressori saranno puniti con una multa da un minimo di 25 euro fino a un massimo di 500 euro, oltre all'eventuale denuncia all'autorità giudiziaria

E' in vigore dalla vigilia di Natale e fino al 6 gennaio, l'ordinanza del sindaco Daniele Meluzzi che vieta l'utilizzo, in strada e nei luoghi aperti al pubblico del centro abitato di Castel Bolognese, di materiali esplodenti, fuochi d'artificio o oggetti similari. Nel provvedimento si sottolinea come "la consuetudine di celebrare particolari festività con il lancio di petardi, fuochi artificiali e botti di vario genere determini un oggettivo pericolo, con una serie di conseguenze negative per la quiete pubblica, la sicurezza e l'incolumità delle persone e degli animali, la tutela della convivenza civile e dei beni pubblici e privati". I trasgressori saranno puniti con una multa da un minimo di 25 euro fino a un massimo di 500 euro, oltre all’eventuale denuncia all’autorità giudiziaria, nel caso l’episodio assuma rilievo penale, e al sequestro del materiale pirotecnico.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Sport

      Re Giorgio non abdica: la 100 Km del Passatore per la 12esima volta consecutiva è sua

    • Sport

      OraSì, vigilia di Gara 1: "Sarà una montagna difficile da scalare"

    • Cronaca

      Punti nascita a Lugo e Faenza, l'Ausl: "I livelli di sicurezza sono garantiti"

    • Cronaca

      Drogato al volante rischia il frontale contro la Polizia: denunciato un 41enne

    I più letti della settimana

    • Dopo il tamponamento viene sbalzata nell'altra corsia e centrata in pieno: muore a 26 anni

    • Dramma sulla Circonvallazione di Faenza: un morto in un terribile frontale contro un camion

    • Faenza, tre nuovi autovelox: ecco dove sono stati installati

    • La bici si spezza nell'impatto: muore travolta da un'auto

    • "Lavoravo 70 ore a settimana a 5 euro l'ora, è lecito rifiutare lavori sottopagati"

    • Giorgia e Laura dicono "sì" davanti al sindaco: "Ora siamo una famiglia"

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento