Piazza Baracca, nuovo blitz: nei guai finiscono tre vù cumpra

L'attività di controllo svolta dal personale della Polizia Giudiziaria della Municipale in borghese ha permesso di accertare come una delle persone identificate, abbia utilizzato come magazzino per la merce che poi avrebbe messo in vendita (ombrelli), un'auto parcheggiata

Nuovi controlli della Polizia Municipale di Ravenna in Piazza Baracca finalizzato a contrastare il fenomeno dell'abusivismo commerciale. Sono stati identificati due senegalesi ed un nigeriano, due dei quali sono stati denunciati a piede libero perchè senza documenti. Il terzetto proponeva con particolare insistenza, vincolando gli utenti ad un ulteriore costo oltre a quello previsto per la sosta, richieste di offerte di denaro, biglietti di parcometro, acquisti di oggetti, nella fattispecie fazzoletti di carta e ombrelli. Per uno di loro è il Questore ha firmato il decreto di espulsione.

L'attività di controllo svolta dal personale della Polizia Giudiziaria della Municipale in borghese ha permesso di accertare come una delle persone identificate, abbia utilizzato come magazzino per la merce che poi avrebbe messo in vendita (ombrelli), un'auto parcheggiata e lasciata aperta. La proprietaria della vettyra, una commerciante con negozio in via Cavour, una volta rintracciata ha disconosciuto la merce ritrovata. Particolare è il fatto che la medesima ha riferito che aveva come abitudine quella di lasciare il veicolo aperto affinchè dei suoi clienti potessero recarsi nella piazza e rinnovare il ticket del parcheggio se scaduto.

Quello, al momento dell’accertamento, esposto era, però, del giorno precedente, elemento questo che faceva sorgere il sospetto che a cambiare il ticket potesse essere lo straniero visto depositare gli ombrelli nell'auto, qualora vi fosse un controllo da parte di Azimut. In cambio, forse, la disponibilità a utilizzare l'abitacolo dell'auto come magazzino. La proprietaria è stata sanzionata per aver lasciato aperto il veicolo. Inoltre le è stato ritirato il permesso per l’accesso alla zona a traffico limitato, che le era stato rilasciato in virtù della sua attività commerciale esposto sul cruscotto seppur scaduto da oltre un anno.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Tutta la comunità di Classe in lutto: dopo una lunga malattia è morto Andrea Panzavolta

  • Cause, sintomi e rimedi per l'anoressia sessuale

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Schianto tra camion e furgone all'incrocio: operaio grave in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento