Fu artefice del corso di laurea ravennate: docente morto in un tragico incidente

Mingozzi: "Perdiamo un grande amico di Ravenna che anche in questi giorni era intento a collaborare con alcuni professionisti ravennati"

In un tragico incidente avvenuto sabato mattina a Rimini ha perso la vita il 78enne Piermaria Luigi Rossi, docente universitario e primo presidente del Corso di Laurea in Scienze Ambientali di Ravenna istituito all'inizio degli anni '90. Lo ricorda Giannantonio Mingozzi, che lo considera "un pilastro dei primi insediamenti universitari a Ravenna, dei quali oggi celebriamo i trent'anni dall'avvio; formidabile il suo apporto affinchè Scienze Ambientali, come nuovo ramo della Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali dell'Ateneo scegliesse Ravenna come sede definitiva e vi costruisse i nuovi laboratori e le sedi didattiche che oggi sono visibili a fianco dell'Istituto Agrario".

"Nel volume "Ravenna dall'Università in poi" che abbiamo curato assieme - ricorda Mingozzi - Rossi afferma che il nuovo corso di laurea ravennate trattando l'ambiente viene a collocarsi al centro di un vasto campo scientifico come banco di prova per il futuro sviluppo dell'attività umana e delle nuove tecnologie. Il suo rapporto con Ravenna non si è mai interrotto: promosse le convenzioni con Montedison nel campo della ricerca e con Enichem per i finanziamenti della didattica, poi con il Rettore Roversi Monaco collaborò alla realizzazione del Centro Ricerche Ambientali di Marina di Ravenna e successivamente divenne uno dei più  grandi esperti mondiali di vulcanologia e di scienza della terra. Perdiamo un grande amico di Ravenna che anche in questi giorni era intento a collaborare con alcuni professionisti ravennati, tra i quali il professor Claudio Galli, alla realizzazione del museo di vulcanologia delle Isole Eolie, chiamato il Panopticon, e come sempre continuava a seguire, in qualità di docente emerito, molti studenti che gli chiedevano consigli e lo invitavano agli incontri più importanti".

L'incidente

Il sinistro si è verificato a Rimini intorno alle 9.15 all'incrocio tra le vie regina Margherita e Messina quando il vulcanologo, in sella a una due ruote elettrica, è venuto a collisione con un furgone che si stava immettendo sulla strada principale in direzione monte-mare che stava effettuando un inversione a U. Il docente di San Lazzaro di Savena procedeva in direzione di Riccione ed è stato sbalzato sull'asfalto dove è rimasto semincosciente. Sul posto sono accorsi i mezzi del 118, ambulanza e auto medicalizzata, coi sanitari che hanno cercato di stabilizzare il ferito per poi correre a sirene spiegate in pronto soccorso con il codice di massima gravità. Nonostante tutti i disperati tentativi dei medici per rianimarlo, il suo cuore ha cessato di battere.

Potrebbe interessarti

  • La sabbia invade casa? Ecco come ripulirla

I più letti della settimana

  • Omicidio stradale, fermata una ragazza accusata di aver lasciato morire un 25enne

  • Gira nuda per il paese urlando contro il compagno, poi si scaglia contro un Carabiniere

  • Accoltella a morte il socio al culmine di una furiosa lite

  • Uccide il compagno con una coltellata: chi era la vittima dell'omicidio della piadineria

  • Un altro morto nel drammatico incidente di via Bastia: tragico bilancio

  • Investito e lasciato morire: fissata l'autopsia, giovane accusata di omicidio stradale

Torna su
RavennaToday è in caricamento