"Plastic Free Challenge": una mozione per 'liberare' il Comune dalla plastica

Il Ministro dell’Ambiente ha lanciato la proposta “Plastic Free Challenge” ponendo come primo obiettivo quello di liberare dalla plastica il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha lanciato la proposta “Plastic Free Challenge” ponendo come primo obiettivo quello di liberare dalla plastica il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, partendo dagli articoli monouso, chiedendo in seguito agli altri Ministeri e a tutte le istituzioni, le Regioni, le Provincie, le Città Metropolitane, i Comuni e tutti gli enti pubblici di prendere in considerazione l’iniziativa.

La Commissione europea ha recentemente emanato una serie di disposizioni per mettere al bando la plastica monouso e, secondo quanto reso noto dalla Commissione, l’attenzione si è focalizzata su 10 prodotti di plastica monouso e sugli attrezzi da pesca che, insieme, rappresentano il 70% dei rifiuti marini in Europa. Le nuove regole prevedono il divieto di commercializzare alcuni prodotti di plastica, la riduzione del consumo, obblighi per i produttori, nuovi obiettivi di raccolta, prescrizioni riguardanti l’etichettatura e misure di sensibilizzazione nei confronti dei consumatori. Anche l’Ufficio di Presidenza del Parlamento europeo ha deciso di mettere al bando, a partire dalla prossima legislatura (giugno 2019) le bottigliette di plastica dagli edifici dell’Europarlamento di Bruxelles e Strasburgo, inoltre diversi enti locali e regional hanno recentemente deciso di aderire al “Plastic Free Challenge”, con una prima ricognizione degli interventi necessari ad eliminare la plastica monouso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il Comune di Ravenna, con l’istallazione del potabilizzatore nella residenza municipale, ha già dimostrato di essere sensibile alla problematica derivante dal sovrautilizzo della plastica e considerando che l’esempio, più delle parole, è il metodo più efficace per convincere i cittadini sull’importanza di utilizzare meno questo prodotto - spiegano i consiglieri del Gruppo Misto Emanuele Panizza e Marco Maiolini, presentando una mozione e impegnando il sindaco e la giunta "ad aderire alla campagna lanciata dal Ministro dell’Ambiente, a predisporre ogni azione necessaria affinché nelle sedi Comunali e di competenza vengano eliminati tutti gli articoli in plastica monouso, con particolare riguardo a quelli legati alla vendita (diretta o per mezzo di distributori automatici) e alla somministrazione di cibi e bevande. Un percorso con obiettivi precisi individuati, monitorati e relazionati per ogni anno, al fine di ridurne al minimo l’utilizzo sino alla completa eliminazione della plastica all’interno dell’Istituzione del Comune; a promuovere una campagna di informazione e di sensibilizzazione per tutti i dipendenti del Comune di Ravenna, nelle scuole e alle aziende/cooperative in relazione ad appalti di servizi socio-sanitari stipulati con l’amministrazione comunale legate all’ assistenza alle persone dove risieda somministrazione di cibi e bevande diretta o indiretta; di sensibilizzare anche mense e ristoranti privati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Coronavirus, 38 nuovi casi nel ravennate: gli infetti salgono a 489

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Coronavirus, ecco il nuovo decreto: tutte le novità su spostamenti, lavoro e multe

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

Torna su
RavennaToday è in caricamento