Faenza, polpette avvelenate: la Polizia Locale denuncia il presunto responsabile

Con enorme soddisfazione i caschi bianchi faentini, comunicano di aver individuato, il presunto autore di tali gesti sconsiderati

Un faentino di 80 anni incensurato, residente nel Borgo è stato denunciato per aver disseminato polpette avvelenate. Gli uomini della Polizia locale, nel corso della perquisizione domiciliare disposta dalla Procura di Ravenna, hanno trovato nascosto in casa dell'uomo il veleno utilizzato per preparare le micidiali polpette. La cosa, unita agli altri pesanti indizi che, la polizia locale faentina, aveva già trasmesso in Procura ha consolidato un quadro indiziario pesantissimo nei confronti del pensionato faentino che si è dovuto così presentare immediatamente al Comando di via Baliatico, unitamente al proprio avvocato di fiducia per essere interrogato, atto  disposto dal sostituto procuratore Stargiotti.

Nell’interrogatorio l’uomo si è però avvalso della facoltà di non rispondere. Ora il pensionato, dovrà comparire in Tribunale a Ravenna per rispondere dei reati che gli sono stati ascritti ovvero: l’articolo 544-bis del codice penale, che punisce l’uccisione di animali «per crudeltà o senza necessità»  con la pena della reclusione sino a 18 mesi e, l’ articolo 674 per aver abbandonato cose pericolose in un luogo di pubblico transito. Si sottolinea anche che, la Giurisprudenza ha preso in considerazione, finalmente, anche il danno morale e fisico causato al padrone dell’animale che muore causa avvelenamento: il legame che si crea infatti è talmente profondo che una perdita del genere può causare depressione e disagi difficili da affrontare, per cui l’autore di tali gesti può essere chiamato anche a pesanti risarcimenti economici in sede civile.

Era da qualche tempo che gli abitanti del Borgo segnalavano in maniera costante il ritrovamento di esche avvelenate abbandonate a terra, destinate agli animali domestici. Il veleno, rinvenuto nelle polpette fatali, era sempre stato certificato dall’ASL essere il metaldeide: potentissimo veleno, per il quale non esiste antidoto. La cosa aveva naturalmente provocato preoccupazione nei possessori di animali e molti faentini avevano manifestato la propria indignazione anche sui social media. Tutta la città si era giustamente indignata e allarmata per la cosa. Chi compie atti premeditati a danni di vittime innocenti come gli animali andava fermato assolutamente, senza contare il fatto che a essere in pericolo, in queste situazioni possono essere anche i bambini, essendo tale veleno pericoloso anche per il semplice contatto. L’inciviltà e la cattiva coscienza, unite allo spregio per creature che non possono difendersi dalle crudeltà gratuite, sono sintomo di un disagio e di una frustrazione notevole e, per tali motivi la polizia locale dell’Unione dei Comuni della Romagna ha messo nella attività investigativa un grande impegno, un’indagine alla vecchia maniera, partita raccogliendo confidenze ed indizi presso bar, circoli, edicole della zona interessata.  Ed è, quindi, con enorme soddisfazione che ora i caschi bianchi faentini, comunicano di aver individuato, il presunto autore di tali gesti sconsiderati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento