Porto canale insabbiato: al via i lavori, e in primavera parte il dragaggio

Dalla mareggiata, insolita per intensità e direzione di ottobre, il porto canale di Cervia ha via via subito un anomalo e grave insabbiamento inusuale per il mese di dicembre e gennaio

Dalla mareggiata, insolita per intensità e direzione di ottobre, il porto canale di Cervia ha via via subito un anomalo e grave insabbiamento inusuale per il mese di dicembre e gennaio: le classiche mareggiate non sono state così intense da "pulire naturalmente" l'imboccatura e, anzi aggravavano la situazione.

Per questo l'Amministrazione, su richiesta dei pescatori, miticoltori, operatori portuali e Cna di Cervia ha monitorato con costanza la situazione tramite la propria società che gestisce gli ormeggi (Servimar ed Adriaboat) verificando che attualmente la navigabilità all'imboccatura è di appena 1 metro e 30/20 centimetri neanche a medio mare. Questa situazione creava pericolo e limitava fortemente le attività produttive, per cui l'amministrazione con le procedure d'urgenza si è attivata per procedere al ripristino della navigabilità del porto canale. La prima draga immediatamente disponibile proviene da Termoli ed è della ditta chioggiotta "Dragaggi srl" che, condizioni meteo marine permettendo, durante il fine settimana raggiungerà il nostro porto per iniziare lunedì il lavoro di ripristino delle minime condizioni di navigabilità. Già in essere invece le procedure per realizzare in primavera il dragaggio vero e proprio di un ampia porzione di canale e, a seguire, entreranno in sperimentazione anche gli iettori, finanziati completamente da un bando europeo vinto da una cordata di ricerca formata dall'Università di Bologna e dalla ditta Trevi. Se funzionerà la sperimentazione di questi rinnovati iettori potrebbero risolvere in modo strutturale la situazione. E' inoltre previsto nel Project per la gestione del Porto Turistico carico del futuro gestore il dragaggio di tutta l'asta del porto fino alla darsena dei magazzini del sale ed il mantenimento della navigabilità dell'imboccatura.

"Siamo vicini alle nostre realtà produttive - dichiarano il sindaco Coffari e l’assessore Fabbri - e per questo ci siamo attivati subito, nonostante il momento complesso per definire gli atti essendo a cavallo di fine anno, ma grazie alla collaborazione di tutti i nostri uffici ci siamo riusciti. L'insabbiamento così forte dell'imboccatura è un fenomeno certo inusuale per il mese di dicembre-gennaio e normalmente era a marzo-aprile, ma ormai il meteo fa brutti scherzi. Con i progetti che abbiamo messo in campo però il nostro obiettivo è passare da una soluzione precaria a una strutturalmente più stabile in merito alla navigabilità, gravando il meno possibile sulle casse comunali grazie alla sinergia pubblico-privato. Ringrazio gli operatori del nostro porto per la pazienza e la collaborazione".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    In migliaia in marcia contro la mafia: "Le loro idee camminano sulle nostre gambe"

  • Video

    "La mafia uccide, il silenzio pure": corteo in memoria delle vittime innocenti - VIDEO

  • Cronaca

    Laura pausini arrabbiatissima, il nuovo singolo circola illegalmente: "Datemi nome e cognome"

  • RavennaToday

    "#Iodestatelavoro": il lavoro stagionale cerca i giovani

I più letti della settimana

  • Viola vince 190mila euro all'Eredità: "Regalerò un viaggio in America a mia madre"

  • Finisce in acqua con l'auto, scattano le disperate ricerche del corpo: ma la donna era a casa sua

  • Violenta esplosione in un'azienda: due ustionati, uno è in condizioni gravissime

  • Scossa di terremoto questa mattina: avvertita in alcuni comuni collinari del faentino

  • Perde il controllo dell'auto e vola nel fiume: si cerca una 49enne

  • La nuova hamburgeria gourmet che vuole far rinascere il centro storico: e assume personale

Torna su
RavennaToday è in caricamento