Progetto Auschwitz, Cervia ha aderito al "Treno della memoria 2020"

Il progetto ha l’obiettivo di mantenere vivo il ricordo delle giornate e degli avvenimenti che hanno segnato la storia italiana nel periodo della seconda guerra mondiale, per sensibilizzare le nuove generazioni ad una cultura di democrazia e libertà e insegnando  ai ragazzi  la storia che li ha preceduti.

Anche per il 2020 il comune di Cervia ha aderito con un contributo al progetto “Promemoria Auschwitz”, promosso dall’associazione “Centro per la Pace Loris Romagnoli” di Cesena, al fine di far partecipare gli studenti cervesi interessati che frequentano le scuole superiori della provincia di Forlì-Cesena. Sono 11 gli studenti  di Cervia che parteciperanno il prossimo anno al progetto “Promemoria Auschwitz” rivolto a tutti i ragazzi che frequentano le scuole superiori di Forlì-Cesena e che visiteranno anche il lager di Auschwitz. 


Il progetto ha l’obiettivo di mantenere vivo il ricordo delle giornate e degli avvenimenti che hanno segnato la storia italiana nel periodo della seconda guerra mondiale, per sensibilizzare le nuove generazioni ad una cultura di democrazia e libertà e insegnando  ai ragazzi  la storia che li ha preceduti.


Il percorso educativo oltre ai laboratori di studio prevede come ogni anno l’iniziativa “Il treno della memoria”, una visita al campo di sterminio di Auschwitz. Complessivamente in questi anni sono 65 gli studenti residenti nel territorio di Cervia frequentanti gli istituti di Forlì -Cesena che hanno aderito al progetto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


L'assessore alla Pace Michela Brunelli: "Siamo orgogliosi di aderire a questo progetto, perché proprio in tempi come questi di negazionismo è necessario mantenere alta l'attenzione. Le istituzioni soprattutto hanno la responsabilità verso i giovani di educare a non dimenticare, a rimarcare il discrimine fra lecito ed illecito, giusto ed ingiusto, bene e male, fra l’umanità degradata e una società civile, aperta alle differenze. Per questo stiamo programmando una serie di iniziative che diano grande risalto alla pace, alla non violenza, al rispetto dei diritti umani".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento