La caserma dei Carabinieri di Marina trova casa: approvato il progetto

Presentato il progetto preliminare per la realizzazione di una stazione dei Carabinieri a Marina di Ravenna, nell'ex sede della Circoscrizione.

Una questione, quella della caserma dei Carabinieri, aperta da più di dieci anni: martedì la Giunta ha approvato il progetto preliminare, presentato subito dopo in Municipio dal Sindaco Fabrizio Matteucci e dall'assessore Roberto Fagnani. E' quindi deciso: la nuova stazione dei Carabinieri a Marina di Ravenna, troverà casa nell'ex sede della Circoscrizione. "Il progetto risolve - dice il sindaco - in modo soddisfacente e definitivo il problema della presenza stabile di un presidio dell'Arma nella località, ma mantiene tutti i servizi che si trovano attualmente nell'edificio di piazza Marinai d'Italia e, nello stesso tempo, “lascia aperta la possibilità di ampliamento del centro sociale per anziani”.

Il progetto è frutto della convinzione che la presenza della caserma dell'Arma a Marina sia fondamentale e che la soluzione attuale che vedeva la stazione alloggiata presso un privato non poteva durare oltre. Il lungo lavoro preparatorio, che ha coinvolto i titolari dei servizi e degli uffici presenti nell'ex sede della Circoscrizione, è terminato lunedì sera con la presentazione del progetto nell'assemblea del Consiglio territoriale.

Ad illustrare i contenuti del progetto preliminare, che prevede interventi per circa 530.000 euro complessivi (il cui recupero è previsto in un arco temporale di dieci anni) il Capo area delle infrastrutture civili, Massimo CampriniL'edificio, che si articolerà su tre piani, ospita attualmente: gli uffici dell'Anagrafe, la sede della Pro Loco, l'ufficio Turismo, il Museo delle  ttività subacquee e una zona ancora da destinare al piano terra; gli uffici  ell'ex Circoscrizione, gli assistenti sociali, la sala del presidente territoriale, gli ambulatori dell'Ausl e dell'Asp, la biblioteca del Coni e infine la biblioteca comunale, la Polizia municipale, l'auditorium e il centro ricreativo anziani.

In conseguenza alla soppressione delle Circoscrizioni, molti degli uffici al primo piano sono rimasti inutilizzati. Di qui la decisione di rendere più razionale l'utilizzo dell'edificio con la realizzazione in questa sede della stazione dei Carabinieri e la conseguente redistribuzione degli spazi attualmente occupati dai vari servizi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il nuovo “assetto” dell'edificio di Piazza Marinai d'Italia, prevede che l'ala sud del primo e del secondo piano attualmente occupata dall' Ausl e dalla Biblioteca comunale, sia destinata alla caserma dei carabinieri per una superficie lorda complessiva pari a 717 metri quadrati ripartiti fra zona operativa, zona logistica e alloggi. Ausl e Asp saranno sempre al primo piano, ma nell'ala nord per una superficie complessiva di 243,24 metri quadrati. Al primo piano e al piano terra troveranno spazio gli uffici del decentramento e anagrafe; infine la biblioteca comunale sarà al primo e al secondo piano.
Le altre destinazioni d'uso rimarranno invariate. Nel parcheggio che si trova dietro all'edificio sarà inoltre ricavato uno spazio opportunamente recintato per le auto dei Carabinieri. L'importo complessivo dell'intervento ammonterà a 407mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento