Prova di evacuazione anti-terremoto a scuola con la Protezione civile

Gli alunni sono ordinatamente usciti dalla scuola e hanno raggiunto il punto di raccolta, dove il gruppo comunale di Protezione Civile aveva allestito una tenda per il primo soccorso

Oltre 500 alunni della scuola primaria di Bagnacavallo hanno partecipato martedì mattina alla prova pratica di evacuazione nell'ambito dell'iniziativa di sensibilizzazione nei confronti del rischio sismico promossa da Comune e Istituto comprensivo Berti, in collaborazione con l’associazione "Io non tremo" e i volontari del gruppo comunale di Protezione Civile.

Accanto ai loro insegnanti gli alunni sono ordinatamente usciti dalla scuola e hanno raggiunto il punto di raccolta, dove il gruppo comunale di Protezione Civile, coordinato da Oriano Ballardini, aveva allestito una tenda per il primo soccorso e ha illustrato ai bambini le procedure da attivare in caso di emergenza e mostrato i mezzi attrezzati. È stato inoltre distribuito un opuscolo informativo predisposto sempre dal gruppo di Protezione Civile. Erano presenti il sindaco Eleonora Proni e il vicesindaco Matteo Giacomoni, la dirigente scolastica Maria Del Gaudio e i responsabili del Servizio Sismica della Bassa Romagna Fabio Minghini e del Servizio di Protezione Civile Stefano Ravaioli. Nel pomeriggio di mercoledì la prova di evacuazione si terrà con le stesse modalità nella scuola primaria di Villanova di Bagnacavallo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

Torna su
RavennaToday è in caricamento