L'annuncio dell'assessore: i portici di Piazza dei Caduti saranno puliti dagli imbrattamenti

Lo ha annunciato l'assessore ai Lavori pubblici, Roberto Fagnani, rispondendo ad un question time presentato dal capogruppo in Consiglio comunale di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi

I portici di Piazza dei Caduti saranno puliti dagli imbrattamenti. Lo ha annunciato l'assessore ai Lavori pubblici, Roberto Fagnani, rispondendo ad un question time presentato dal capogruppo in Consiglio comunale di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi. "L’assessore ha raccolto la mia istanza - evidenzia Ancisi - comunicando, che “dopo l’avvenuto assestamento di bilancio nei mesi di ottobre/novembre 2018, con le somme a nostra disposizione, si provvederà a fare un programma per rimuovere le scritte più "ingiuriose"". Nella risposta Fagnani ha inoltre evidenziato che "verificheremo la situazione su quegli edifici che non sono di proprietà comunale, coinvolgendo I'Ente proprietario e comunque, per quanto possibile, cercheremo di intervenire. Nella fattispecie, cercheremo di trovare una soluzione accettabile anche per le scritte segnalate”.

Riavvolgendo il nastro, Ancisi spiega che aveva invitato la Giunta comunale "ad estendere il programma anche agli immobili di altre amministrazioni pubbliche, segnatamente della Provincia (in particolare quelli delle scuole superiori) e della Regione, secondo l’ordine di priorità del maggior degrado dei luoghi e del loro pregio, coinvolgendo nell’impegno finanziario i rispettivi enti proprietari. Avevo aggiunto che “è difficile non mettere in cima a tale graduatoria l’immobile dell’Agenzia Regionale per la Protezione Civile di piazza dei Caduti, sotto i cui portici vandali e graffitari anomali hanno sempre liberamente sfogato ogni impulso, rendendo l’edificio inguardabile agli occhi dei residenti e dei turisti”, segnalando come la piazza sia “prestigiosa perché vi insistono i palazzi della Provincia, del Catasto e della scuola media Novello, nonché per l’antico ponte, emerso dagli scavi per lavori compiuti negli anni Settanta, subito rinterrato sotto l’attuale aiuola”, ma anche perché “destinata a diventare punto strategico della città come snodo verso la zona dantesca in vista del settimo centenario dalla morte del Poeta”. Oltretutto - avevo anche considerato - “i portici del palazzo regionale rappresentano un indegno passaggio d’ingresso a via Baccarini, già di per sé soggetta a degrado e vandalismi di ogni genere, da bonificare con urgenza”. La risposta di Fagnani è stata positiva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza "cintura": si varcano i confini dei comuni solo per motivi strettamente necessari

  • Anziano fermato in un controllo 'anticoronavirus': "Io continuo a fare quello che mi pare"

  • Coronavirus, la crescita non si ferma: 22 nuovi casi e 3 decessi nel ravennate

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Trema la terra: avvertita una scossa di terremoto a Cervia

  • Coronavirus, 38 nuovi casi nel ravennate: gli infetti salgono a 489

Torna su
RavennaToday è in caricamento