Stretta della Municipale all'abusivismo commerciale sulla spiaggia

La raffica di controlli a Punta Marina Terme ha permesso di sequestrare merce per 22mila euro e 5 le persone denunciate a piede libero

Nelle giornate di mercoledì e giovedì la località di Punta Marina Terme è stata al centro dell'attenzione per quanto riguarda i controlli della Polizia Municipale di Ravenna, finalizzati ad arginare il fenomeno dell'abusivismo lungo le spiagge ravennati. Gli interventi effettuati hanno consentito di sequestrare, in meno di ventiquattrore, oltre 2.300 pezzi consistenti in abbigliamento, bracciali, teli mare, accessori per telefonia, etc., per un valore complessivo stimato in più di 22.000 euro. Al termine delle operazioni sono state 12, in totale, le persone identificate, di nazionalità marocchina, senegalese e del Bangladesh. Otto di queste sono state denunciate: cinque in quanto clandestine, le altre per violazione della normativa sull'immigrazione. Sette sono i verbali contestati per commercio abusivo su aree pubbliche.

Gran parte della merce sequestrata (circa 1.800 articoli), in particolare, è stata recuperata nella mattinata di giovedì, dopo un attento monitoraggio della zona da parte della Municipale. Già da alcuni giorni, infatti, gli agenti avevano notato la presenza costante degli stessi veicoli, alcuni furgoni ed autovetture, nei parcheggi adiacenti l'area interessata, presumibilmente in uso ad extracomunitari dediti alla vendita sull'arenile. Tale circostanza, unitamente ad alcune segnalazioni di bagnanti, insospettiti dal continuo andirivieni di soggetti, visti scendere dai mezzi con enormi borsoni, ha indotto gli agenti a svolgere un'accurata attività, con appostamenti, raccolta di informazioni, osservazione, etc, che ha poi portato all'individuazione dei responsabili degli illeciti e all'ingente sequestro.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In un caso il conducente di una delle auto "sotto controllo", cittadino marocchino, ha tentato di allontanarsi per sfuggire agli accertamenti ma è stato prontamente raggiunto e fermato. I servizi coordinati, ai quali ha concorso personale degli Uffici Polizia Commerciale, Emergenza e Sicurezza Stradale, Polizia Giudiziaria e Mare, oltre al personale a tempo determinato a ciò dedicato, hanno interessato in particolare il tratto di battigia adiacente i Bagni Ruvido, Pelo e Perla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anziano fermato in un controllo 'anticoronavirus': "Io continuo a fare quello che mi pare"

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Coronavirus, 38 nuovi casi nel ravennate: gli infetti salgono a 489

  • Coronavirus, ecco il nuovo decreto: tutte le novità su spostamenti, lavoro e multe

  • Il Coronavirus strappa alla vita Andrea Gambi, direttore di Romagna Acque

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

Torna su
RavennaToday è in caricamento