Sparatoria a Ponte Nuovo, il sindaco: "Prendere i colpevoli"

L'inchiesta è coordinata dal pubblico ministero Monica Gargiulo. Sull'episodio è intervenuto anche il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci: "La sparatoria è un fatto molto grave".

Gli agenti della Squadra Mobile di Ravenna hanno già iniziato a interrogare i due fratelli albanesi di 26 e 35 anni, rimasti feriti nel tardo pomeriggio di domenica a Ponte Nuovo in via Romea Sud in un'agguato a colpi di arma da fuoco. I due sono stati dimessi con prognosi di una quindicina di giorni a testa. Il fatto, avvenuto  per un presunto regolamento di conti all'interno della comunità albanese, è ritenuto forse legato a debiti pregressi.

Dalla pistola dell'aggressore sono partiti diversi colpi, ma solo due hanno colpito alle gambe i fratelli albanesi, entrambi residenti a Ravenna (il maggiore ha precedenti). L'inchiesta è coordinata dal pubblico ministero Monica Gargiulo. Sull'episodio è intervenuto anche il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci: "La sparatoria è un fatto molto grave".

"Il primo auspicio, come ho detto con il Prefetto domenica sera quando mi ha immediatamente informato dell'accaduto, è che vengano presi i colpevoli di quello che a prima vista appare un regolamento di conti. Vengano presi e messi nelle condizioni di non nuocere - ha evidenziato il primo cittadino -. Anche recentemente Polizia e Carabinieri hanno compiuto operazioni importati contro la delinquenza che, come nelle altre città italiane, è presente anche a Ravenna".

"Confido - continua Matteucci - che anche in questa grave circostanza la professionalità delle Forze dell'Ordine della nostra città ottenga buoni risultati.
Episodi così gravi,di cui sono piene le cronache di tutte le città italiane, suscitano comprensibile allarme nell'opinione pubblica. Il compito delle istituzioni e di tutte le persone che hanno funzioni pubbliche e che sono perciò tenute al massimo senso di responsabilità, è quello di analizzare, intervenire, creare condizioni di massima sicurezza, anche facendo i conti purtroppo con i pesanti e colpevoli tagli di uomini subiti dalle Forze dell'Ordine in particolare dal 2008 in poi".

Matteucci esprime "il totale sostegno del Comune e della comunità ravennate al lavoro degli inquirenti e all'opera quotidiana delle donne e degli uomini in divisa. Ringrazio il Prefetto che con la consueta tempestività ha convocato la riunione del Comitato per l'Ordine Pubblico per un aggiornamento dell'analisi dettagliata e completa della situazione, mentre in queste ore sono in corso a pieno regime le indagini sulla sparatoria di domenica sera”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulle strade: 17enne precipita nel canale e perde la vita

  • Il dramma di Lorenzo, morto annegato nel canale di Milano Marittima: studiava per diventare chef

  • Fitta nebbia, scontro tra camion sulla Statale Romea Dir: lunghe code, arteria bloccata

  • Il dramma di Lorenzo, eseguita l'ispezione cadaverica. Perizia fotografica sulla minicar

  • Elezioni regionali, Marescotti: "Votiamo contro la cosa peggiore che possa capitare: la Lega"

  • Perde il controllo dell'auto, guidatore sbalzato dall'abitacolo

Torna su
RavennaToday è in caricamento