I graffiti in Darsena incontrano i personaggi dei videogiochi di Ravenna 8bit

Dopo la comparsa in zona Darsena di alcuni nuovi murales, l'artista ravennate ha immortalato le opere d'arte realizzate da street artist internazionali aggiungendo il proprio tocco personale

Vi ricordate il progetto di Ravenna 8bit? Nel 2017 Francesco Santoro, giovane ravennate, ha iniziato a creare immagini di alcuni dei luoghi e monumenti più famosi di Ravenna inserendoci i personaggi dei videogiochi più amati della storia. Ora, dopo la comparsa in zona Darsena di alcuni nuovi murales, l'artista ravennate ha immortalato le opere d'arte che il festival Subsidenze ha portato a Ravenna in questi anni e realizzate da street artist internazionali - Ericailcane, Millo, Jim Avignon e Revè Più - aggiungendo il proprio tocco personale con personaggi quali Super Mario e la principessa Peach, Zelda e Link, personaggi dei Pokemon, Guybrush Threepwood e la governatrice Marley di Monkey Island.

Dalla prossima settimana il festival di street art "Subsidenze", realizzato dall'associazione culturale Indastria in compartecipazione con l'assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Ravenna, si concentrerà nella realizzazione, nelle giornate dell’8-9-10 maggio, del laboratorio nella Scuola Primaria “Garibaldi" con l’artista Luogo Comune e sul workshop gratuito per ragazzi dai 7 ai 16 anni con l’artista Basik presso Magazzeno Art Gallery in collaborazione con Ra-dici, che si terrà sabato 11 maggio dalle 15:00.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La macabra sfida del 'Samara Challenge' arriva in Romagna: "Gioco pericoloso"

  • Vanno dal meccanico dopo l'incidente e ne fanno un altro: curiosa "scia" di sinistri

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • La crema antirughe dell'azienda di Cotignola vince il premio 'Bio Awards'

  • Elisa, Alessandra Amoroso, Guccini e Tiromancino: ospiti di lusso per "Imaginaction"

  • Agricoltori in ginocchio: "Crisi senza precedenti, le aziende gettano la spugna"

Torna su
RavennaToday è in caricamento