Ravennati dal cuore grande: tante donazioni per aiutare l'ospedale di Ravenna

Grazie alla generosità di aziende, associazioni e privati cittadini che si sono mobilitati, in questi ultimi giorni sono state elargite donazioni per circa 108mila euro

Tante le iniziative di solidarietà che stanno arrivando a sostegno dei presidi ospedalieri ravennati. Grazie alla generosità di aziende, associazioni e privati cittadini che si sono mobilitati per aiutare nella lotta all’emergenza legata al Coronavirus, in questi ultimi giorni sono state elargite donazioni per circa 108mila euro.

La direzione aziendale e il direttore del Presidio ospedaliero di Ravenna, Paolo Tarlazzi, anche a nome di tutti gli operatori, ringraziano di cuore la ditta Sica di Alfonsine di Ravenna che ha donato 50.000 euro, di cui 30.000 a favore dell’ospedale di Ravenna e 20.000 all’ospedale di Lugo; Ail Ravenna per la donazione di 50mila euro a favore del reparto di Malattie infettive dell’ospedale di Ravenna; Conad Lo.an.s di Corsani Loredana di Ravenna per aver devoluto 6.000 euro a favore della unità operativa di Terapia Intensiva del Santa Maria delle Croci; asd Sid “ass. Strenz i dent” per la donazione di mille euro a favore della Terapia Intensiva Rianimazione di Ravenna; il gruppo sportivo Valsintria Festa del Cinghiale Zattaglia per aver devoluto mille euro al pronto soccorso; la signora Irene Fantini per la donazione di 50 euro, la signora Nicoletta Marangoni per altri 30 euro e il signor Alessandro Christian Fanara che ha donato 100 euro sempre a sostegno dell’attività del presidio ospedaliero Ravenna. Un sentito ringraziamento per la grande generosità e solidarietà dimostrata anche al Ristorante Saporetti di Marina di Ravenna che sabato ha fatto giungere in ospedale il pranzo per gli operatori di diverse unità operative al lavoro, il Crald Ausl di Ravenna per aver donato diverse colazioni e alcune pizzerie della città per la cena consegnata agli operatori dei reparti del presidio ospedaliero di Ravenna.

Si ricorda che per donare direttamente all'Ausl Romagna si possono utilizzare le seguenti coordinate bancarie: AZIENDA USL DELLA ROMAGNA - INTESA SAN PAOLO - IBAN: IT34W0306913298100000300064 - Tesoreria AZIENDA UNITA’ SANITARIA LOCALE DELLA ROMAGNA,  precisando nella causale una eventuale motivazione per la donazione, oppure utilizzare il modulo disponibile sul sito dell’Ausl e le modalità lì riportate.

Chi invece intende attivare raccolte fondi, o le abbia già attivate è pregato di contattare l'Azienda utilizzando il seguente indirizzo di posta elettronica: donazioni@auslromagna.it al fine di coordinare il lavoro e di cercare di evitare truffe. A questo fine si precisa inoltre che l’Azienda non ha mai inviato, e non invia, persone al domicilio per richiedere donazioni per il Coronavirus ne per nient'altro. Eventuali iniziative illegali che fossero verificate saranno perseguite con la massima decisione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Ravenna si segnalano al momento la sottoscrizione di “Falco Caponegro per Ospedale Di Ravenna” e la raccolta fondi ‘Coronavirus, sosteniamo tutti insieme l'ospedale di Ravenna’ realizzata da Ravenna Runners Club in collaborazione con l’Associazione Alice Ravenna Odv.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento