Dopo 24 anni in piazza Kennedy il negozio 'vola' a Londra: "Volevamo nuove sfide"

Cambiare completamente vita a 61 anni, facendo le valigie insieme alla famiglia e partendo alla volta di Londra. E' la sfida che si è "autoproposta" Cristina Lelli, titolare della storica 'Reale Camiceria'

Cambiare completamente vita a 61 anni, facendo le valigie insieme alla famiglia e partendo alla volta di Londra. E' la sfida che si è "autoproposta" Cristina Lelli, titolare insieme al marito Claudio Romoli della storica 'Reale Camiceria' che a marzo 2018 ha chiuso i battenti dopo aver vestito per ben 24 anni i clienti in piazza Kennedy - al suo posto ha inaugurato poi una gelateria a chilometro zero.

"Io e mio marito volevamo cambiare vita - racconta Cristina - Dopo il problema dei lavori in piazza Kennedy, dal quale eravamo riusciti a riprenderci, mi sono ritrovata a pensare: facevo sempre la stessa vita, tutti i giorni. Così a 61 anni è esplosa in me la voglia di nuove sfide, di affrontare qualcosa di nuovo, di cambiare vita completamente. Ma ci siamo trasferiti anche per dare la possibilità ai nostri due figli di frequentare un tipo di scuola più innovativa che in Italia non esiste. E poi vivere qua, in Inghilterra, significa imparare l'inglese in un modo che in Italia i miei figli non avrebbero mai imparato, oltre ad avere opportunità di lavoro molto diverse".

Una scelta sicuramente coraggiosa quella della famiglia, maturata nel tempo: "L'idea di trasferirci c'era da un po', l'inghilterra piaceva a tutta la famiglia, era la nazione più adatta a noi. Anche a livello lavorativo ci sono molte opportunità; siamo venuti qui inizialmente con l'idea di iniziare una nuova attività, quella di organizzare vacanze studio per ragazzi, e abbiamo iniziato a farlo l'anno scorso subito dopo il trasferimento. Poi, però, ci siamo accorti che ci mancava molto il negozio: avevamo bisogno di una pausa, ma poi ci è venuta la voglia di riaprire. Qui in Inghilterra c'è molta voglia di conoscere le nostre capacità e gli italiani sono sempre molto apprezzati".

Cristina e Claudio a inizio luglio hanno così riaperto la Reale Camiceria a Richmond, quartiere "chic" a 15 chilometri dal centro di Londra: "Abbiamo subito iniziato a lavorare molto e i colleghi ci hanno accolto benissimo; certo è impegnativo, non è stato facile aprire un negozio in Inghilterra, i regolamenti e le leggi sono molto diverse dall'Italia. Abbiamo dovuto lottare un po' ma alla fine ce l'abbiamo fatta. I ritmi di lavoro sono completamente diversi: si inizia al mattino e si va avanti fino alle 17-18, non esiste la pausa pranzo. Un po' il centro storico di Ravenna, soprattutto all'inizio, per me abituata da sempre ad abitarci mi mancava: poi ho scoperto questo quartiere meraviglioso, sono venuti a trovarci alcuni ex clienti e ci hanno detto 'Sembra di essere in centro a Ravenna!'".

Sul trasferimento dei due commercianti ha influito però anche la crisi del centro storico che, come tante altre città italiane, ha colpito anche Ravenna: "Credo che Ravenna sia una città un po' seduta su se stessa - commenta Cristina - C'è difficoltà dei trasporti, il fatto che la gente non arriva... sì, qualcosina in estate con il turismo c'è, ma con le opportunità turistiche che ci sono a Ravenna si potrebbe fare molto di più. E' una città che non è valorizzata al massimo: anche all'estero potrebbe essere proposta diversamente, invece per spiegare di dove sono dico 'Vicino a Bologna', sennò non capiscono. E' una cosa molto triste, in una città come Ravenna dovresti far fatica a camminare tra la folla per quanto c'è da vedere, oltretutto è tutto circoscritto nel centro. Qui in Inghilterra, invece, ogni sassolino viene valorizzato come se fosse l'unico. C'è anche molto volontariato, per esempio riguardo l'archeologia: il comune permette ai pensionati di dare una mano agli archeologi, c'è molta partecipazione della città".

reale1-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • Finge un problema all'auto e blocca le due presunte ladre d'appartamento

  • Tenta di colpire un motociclista ma il poliziotto si lancia nella sua auto dal finestrino: in manette

  • Precipita dal balcone di un hotel: ragazzino in ospedale in gravi condizioni

  • Lotta per la vita il 14enne precipitato da un balcone dell'hotel

  • Scoppia un incendio nell'azienda di pallet: alta colonna di fumo nero in cielo

Torna su
RavennaToday è in caricamento