Restaurate le lapidi del portico del Municipio di Bagnacavallo

I prossimi interventi dovranno riguardare il restauro delle lapidi di piazza della Libertà, in particolare quelle che si trovano sulla facciata di Palazzo Vecchio

Si è concluso il restauro delle lapidi commemorative poste sotto il loggiato del Municipio di Bagnacavallo. L’intervento, realizzato dalla ditta Camurani Edilmarmo di Bagnacavallo per circa duemila euro, è stato finanziato grazie al Fondo per interventi di restauro di opere di pubblica utilità costituito dalle associazioni di volontariato aderenti alla Festa della Musica e al Festival del Volontariato con il coordinamento della Pro Loco, in collaborazione con il Comune.

A essere sottoposte a restauro sono state le dieci lapidi commemorative poste sotto il loggiato del Comune. Le epigrafi sono dedicate a: Giuseppe Garibaldi; Giuseppe Mazzini; Antonio Fratti, parlamentare forlivese che combatté e morì per l’indipendenza della Grecia alla fine dell’Ottocento; Francesco Berti, patriota bagnacavallese ucciso nel “Vallone Rovito” insieme ai fratelli Bandiera; Mario Giacomoni, partigiano e sindaco di Bagnacavallo dal 1970 al 1978. Due lapidi ricordano inoltre le vittime della Rivolta del pane (1898), i Caduti per l’Indipendenza, i 35 Caduti per la libertà e i 362 Caduti civili della Seconda guerra mondiale.

I prossimi interventi dovranno riguardare il restauro delle lapidi di piazza della Libertà, in particolare quelle che si trovano sulla facciata di Palazzo Vecchio. A tal fine la Pro Loco di Bagnacavallo, in collaborazione con l’associazione Entelechia, ha organizzato per sabato 4 maggio alle 21 uno spettacolo teatrale al Goldoni, finalizzato alla raccolta fondi necessari per ultimare il nuovo progetto. Oltre alle ultime opere riguardanti le lapidi del portico del Comune, in questi anni altri progetti quali il restauro del Sacrario dei Caduti, il contributo al restauro del tetto della Basilica di San Pietro in Sylvis e la cartellonistica a completamento del restauro del ponticello storico di Villa Prati sono stati resi possibili grazie alle varie iniziative organizzate dalle associazioni di volontariato con il coordinamento della Pro Loco. Per questo le associazioni e la Pro Loco, tramite il presidente Arnaldo Castellucci, rivolgono un sentito ringraziamento alla cittadinanza per l’assidua partecipazione alle iniziative che rendono possibile il restauro di varie opere di pubblica utilità.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Abbandoni rifiuti, l'onda forlivese arriva a Ravenna: "Fenomeno esteso"

  • Politica

    Trivelle, botta e risposta tra De Pascale e Verlicchi: "Sostegno a Mediterranea che c'entra?"

  • Cronaca

    Bora furiosa, iniziata la ricognizione dei danni: c’è tempo fino al 3 aprile per segnalarli

  • Cronaca

    Bora tempestosa, Cervia si lecca le ferite: "La città tornerà bella come sempre"

I più letti della settimana

  • Ora c'è la prova fotografica: scoperto un lupo nella "Pineta di Ravenna"

  • L'arrampicata sportiva di Ravenna in lutto: è morto Giuseppe Bollettino

  • Serata di pura follia, dopo la lite investe una donna e fugge

  • La nuova hamburgeria gourmet che vuole far rinascere il centro storico: e assume personale

  • Tempesta di vento sferza il Ravennate, raffiche oltre i 100 km/h: alberi crollati, tetti scoperchiati e mareggiate

  • Finisce cappottata fuori strada, auto avvolta dalle fiamme: paura per una ragazza

Torna su
RavennaToday è in caricamento