Riconoscere monumenti e prodotti in vetrina con una foto: l'app piace agli investitori

E' così che Getcoo, startup di Villanova di Bagnacavallo che nasce da un'idea dei fratelli Stefano e Claudio Berti, ha lanciato una campagna di 'equity crowdfunding'

L'idea innovativa di riconoscere monumenti e prodotti esposti in vetrina attraverso una foto piace agli investitori: è così che Getcoo, startup di Villanova di Bagnacavallo che nasce da un'idea dei fratelli Stefano e Claudio Berti e da un team di altri cinque under 40 esperti in beni culturali e nuove tecnologie, ha lanciato una campagna di 'equity crowdfunding'. Dopo sole quattro ore è stato infatti raggiunto l’overfunding, con la raccolta di oltre 70mila euro, mentre in meno di 24 ore sono stati superati i 150mila euro, obiettivo massimo che si era prefissata la startup. Sono state decine e decine le persone che hanno creduto nella 'computer vision made in Italy', decidendo di investire nell’azienda. La campagna si è chiusa il 7 maggio, dopo solo 19 giorni (invece che 60) e più di 230mila euro raccolti.

"Sempre più spesso si parla di intelligenza artificiale, la nuova frontiera dell’ingegno umano che velocizza e perfeziona processi produttivi d’azienda e permette di vivere con più coinvolgimento e meno stress le nostre esperienze quotidiane - spiega Stefano Berti, Ceo di Getcoo - E noi ci occupiamo proprio di intelligenza artificiale, avendo sviluppato una tecnologia proprietaria di 'computer vision' basata su intelligenza artificiale denominata Dart (Direct Acquisition and ReTrieval), che identifica categorie e specifici oggetti in modo automatico. È una soluzione applicabile a molteplici settori e può dunque affrontare mercati ancora inesplorati dai competitor".

I fondi raccolti saranno impiegati nell’ulteriore sviluppo del progetto di computer vision dell'app, che opera già nel mercato industriale e manifatturiero, nel retail della moda per l’identificazione di prodotti esposti in vetrina e nel settore culturale e artistico con l'app turistica Getcoo Travel, che con una foto riconosce monumenti e opere d’arte e fornisce le relative informazioni. La startup è attualmente incubata al Parco Tecnologico Torricelli di Faenza, con una seconda sede operativa a CreSco (spazio di coworking di Ravenna).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stefano e Claudio Berti di GETCOO-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Coronavirus, 38 nuovi casi nel ravennate: gli infetti salgono a 489

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Coronavirus, ecco il nuovo decreto: tutte le novità su spostamenti, lavoro e multe

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

Torna su
RavennaToday è in caricamento