Riqualificazione della Darsena, qualcosa si muove: ok agli accordi per l'acquisizione delle aree

Come spiega l'assessore all'Urbanistica Federica Del Conte, si tratta di un investimento da otto milioni di euro

Qualcosa si muove per la riqualificazione della Darsena di Ravenna, con il progetto candidato al bando delle Periferie per il sistema fognario e il cablaggio sulla sponda destra del Candiano. Martedì pomeriggio in Consiglio comunale passa all'unanimità la delibera per l'approvazione degli accordi integrativi e modificativi con Palatium, Ravenna srl e Cmc immobiliare per entrare in possesso delle relative aree.

Come spiega l'assessore all'Urbanistica Federica Del Conte, si tratta di un investimento da otto milioni di euro, sette dal Fondo per sviluppo e coesione, tramite il bando Periferie, e un milione di finanziamento privato da parte di Romagna Acque. "Gli accordi hanno le stesse condizioni" e, con la disponibilità delle aree, si andrà a bando per la realizzazione dell'opera. Il progetto, replica alle critiche della minoranza, è stato affidato a Hera perchè è nelle competenze per una convenzione con Atersir. Il Comune, conclude, ancora attende risposte dal governo su "tanti quesiti". Tra i tanti interventi rientra anche la realizzazione della infrastrutturazione fognaria e del cablaggio in fibra ottica alla destra del Canale. Successivamente, a seguito di verifiche e approfondimenti progettuali, è emersa la necessità di apportare revisioni all’ intervento di infrastrutturazione fognaria, ridefinendo il perimetro delle aree di intervento ricadenti in proprietà alla Palatium srl, alla Ravenna srl e alla Cmc immobiliare. E’ stato quindi deliberato di acconsentire all’ acquisizione al patrimonio dell’Ente, a titolo gratuito, delle ulteriori aree identificate, delle servitù indicate negli accordi, libere da oneri, vincoli, pesi, iscrizioni ipotecarie e altre iscrizioni trascrizioni pregiudizievoli.

Il gruppo Lista per Ravenna ha dichiarato voto favorevole al fine di avviare lavori non più procrastinabili ma ha manifestato contrarietà legate ai costi eccessivi di un progetto – a suo avviso – tecnicamente datato e sull’ affidamento che avrebbe preferito avvenisse attraverso bando pubblico.

Il gruppo Pd ha espresso fierezza e soddisfazione per aver mantenuto la promessa di impegno nell’ambito della riqualificazione della Darsena grazie a questo importante tassello, che crea le condizioni per procedere con risolutezza allo sviluppo delle infrastrutturazioni necessarie.

Il gruppo Misto, dopo aver chiesto alcuni chiarimenti sulle ripercussioni che le revisioni potrebbero avere sull’ iter del progetto, ha sottolineato che si tratta di un passo avanti importante per l’avvio dei lavori.   

Il gruppo Pri ha dichiarato il proprio voto positivo ad un intervento strutturale che finalmente consente di immaginare il futuro che da sempre si auspica per lo sviluppo della Darsena.

Il gruppo Ama Ravenna, nell’ esprimere la propria soddisfazione, ha rappresentato il rammarico per le critiche strumentali provenienti dalle opposizioni anche in occasione di azioni così importanti.

Il gruppo Lega nord ha espresso voto favorevole per essere di buon auspicio alla riqualificazione della Darsena pur ritenendo che non si tratta del progetto migliore del mondo. 

"Con la delibera si concretizza un ulteriore tassello della difficile, necessaria e auspicabile riqualificazione della Darsena di città - commenta invece soddisfatto Marco Turchetti, consigliere Pd - L’amministrazione comunale, da anni impegnata per la finalizzazione dei questo importante intervento, con questa delibera crea le condizioni per procedere nella direzione di una risoluta, concreta e celere riqualificazione. Finalmente sarà possibile sviluppare le infrastrutture necessarie e creare i presupposti necessari a un importantissimo comparto urbano. Ricordiamo che il progetto intero era stato ammesso nei finanziamenti previsti dal “Bando Periferie” che il governo precedente aveva varato, ma che il blocco imposto dall’attuale governo aveva a suo tempo sospeso. Il Comune di Ravenna, da subito impegnato per ottenere lo sblocco dei finanziamenti promessi, aveva comunque deciso di procedere ugualmente nella realizzazione degli interventi, perchè le promesse fatte ai cittadini si mantengono, a maggior ragione quando sono frutto di atti legislativi concreti e non già di fumose campagne elettorali. Il Comune di Ravenna, oltre ad aver sempre ottemperato a quanto richiesto e rispettato i tempi in ogni fase, trovandosi nella condizione di poter procedere, ha come sempre sostenuto che non avesse alcun senso tergiversare ulteriormente su un così importante investimento sul territorio. Il nostro senso di responsabilità e l’importanza di realizzare le opere pensate per la riqualificazione e lo sviluppo della Darsena ci hanno portato a cercare da subito una soluzione che non è stata per niente semplice e, nonostante le difficoltà, la strada è ormai segnata. Saremo al fianco della Giunta in questa impresa per nostra convinzione personale e per responsabilità nei confronti dei cittadini che, invece, a questo governo Lega–5 Stelle non sembrano affatto stare molto a cuore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • La Finanza scopre un giro di fatture false per quasi un milione: maxi sequestro

  • Black Friday, gli sconti da non perdere in negozio e online

  • Maltempo senza tregua, fiumi e canali osservati speciali. E sul litorale una domenica critica

  • Qualità della vita, criminalità altissima a Ravenna: peggio di lei solo Milano, Rimini e Trieste

Torna su
RavennaToday è in caricamento