Gli schiamazzi si trasformano in una rissa: scattano 4 arresti

Solo il rapido intervento dei militari ha impedito che la situazione non degenerasse e che venisse interrotta tempestivamente evitando così il peggio

Hanno trasformato una strada in un ring. Furibonda rissa nella tarda mattinata di lunedì a San Pancrazio di Russi. A chiedere l'intervento dei Carabinieri è stato un passante, che ha notato quattro soggetti darsele di santa ragione. Secondo quanto ricostruito dai militari di Russi e di Godo il tutto si sarebbe verificato per futili motivi, a quanto pare per questione di rumori. Solo il rapido intervento dei militari ha impedito che la situazione non degenerasse e che venisse interrotta tempestivamente evitando così il peggio.

I quattro sono stati subito bloccati ed identificati, tutti residenti a Russi tra i 54 e i 24 anni. Tutti hanno riportato lievi lesioni, il più grave è stato trasportato all’ospedale con l’ambulanza, dove gli è stata riscontrata una frattura al polso. Mercoledì, con la convalida dell’arresto per tutti e quattro, a due di essi, i provocatori quelli il cui comportamento è stato ritenuto più grave, è stato imposto l’obbligo di dimora  in attesa della prossima udienza.

Potrebbe interessarti

  • I Consultori a Ravenna: elenco, indirizzi e servizi

  • Aperitivo a Ravenna: 5 locali ideali per un cocktail all'aperto

  • I borghi medievali romagnoli da non perdere

  • Trapianto di cornea a Ravenna: numeri in crescita, interventi e farmaci innovativi

I più letti della settimana

  • I pompieri arrivano per spegnere un incendio: e trovano il cadavere di un uomo

  • La scia di sangue non si ferma. Schianto sull'Adriatica, muore dopo 6 giorni di agonia

  • Si schiantano contro le auto parcheggiate e si cappottano: tre giovani in ospedale

  • Si spoglia ubriaca in mezzo alla strada, poi aggredisce i poliziotti: in manette

  • Accoltellato di fronte alla caserma della Municipale: scene da panico in Darsena

  • Chiusi i 'campi-parcheggio' a Lido di Classe: ed è subito strage di multe

Torna su
RavennaToday è in caricamento