"Salviamo la Pungela": i cittadini si mobilitano per la passerella storica

Si è costituito nei giorni scorsi un gruppo di persone che vogliono salvare la cosiddetta Pungela, dopo l'annuncio del previsto abbattimento

Cittadini uniti per la "Pungela" di Villa San Martino. Si è costituito nei giorni scorsi un gruppo di persone residenti a Villa San Martino, Lugo, Sant’Agata, Massa Lombarda e dintorni che, martedì sera al tramonto, si sono ritrovati sulla passerella sul fiume Santerno, la cosiddetta Pungela, per capire l'evolversi della situazione dopo l'annuncio del previsto abbattimento, organizzarsi e cercare eventuali soluzioni alternative per collegare Villa San Martino ai comuni limitrofi della Bassa Romagna.

"In seguito alla realizzazione del “drizzagno” del fiume Santerno, a fine dell’800 venne costruito un primo ponte che collegava i territori di Lugo oltre fiume - spiegano i cittadini - Durante il passaggio del fronte, i soldati tedeschi fecero saltare la Pungela, ricostruita per la sua grande utilità nei primi anni ‘50. Un ponte che da tantissimi anni unisce le genti di queste terre: si tratta dell’unico passaggio dei dintorni non trafficato da auto per attraversare in sicurezza il fiume. È nato spontaneamente un gruppo molto eterogeneo di cittadini che hanno deciso di riunirsi, lontano da bandiere politiche, per osservare da vicino la situazione e capire se è effettivamente necessario l’abbattimento o meno. Non siamo contrari all’abbattimento, se la struttura effettivamente è pericolante, ma vorremmo trovare una soluzione alternativa valida e realistica. L’obiettivo è mantenere il collegamento per valorizzare un territorio dal forte valore paesaggistico, lontano dal traffico, naturalmente isolato e immerso nel verde: perfetto per un itinerario cicloturistico. In attesa della nomina della nuova Consulta di Villa San Martino, abbiamo deciso di riunirci sul ponte della Pungela al tramonto. Il primo obiettivo è quello di far sapere dell’iniziativa alle istituzioni e ad altre persone interessate a collaborare per lo sviluppo di idee a tutela della passerella e dell'ambiente circostante, per garantirne la fruibilità in sicurezza mediante un percorso di mobilità sostenibile da pensare e realizzare in un tavolo che veda le istituzioni e i cittadini collaborare fianco a fianco. È indispensabile essere propositivi, collaborativi e impegnarsi per trovare una soluzione condivisa dalla comunità: la Pungela potrebbe per esempio essere inserita all’interno di un percorso ciclabile o pedonale utilizzando i fondi che Regione e Comunità Europea destinano alla mobilità sostenibile e alla crescita del turismo verde del territorio, così come è accaduto ad esempio qualche anno fa ad Alfonsine. Chiediamo quindi che il Comune di Lugo chiarisca la situazione, poiché ad oggi non si è pubblicamente pronunciato sulla vicenda. Vorremmo avere una comunicazione trasparente con gli interlocutori istituzionali (Comune di Lugo, la futura Consulta di Villa San Martino e tutti i soggetti coinvolti) e un dialogo volto alla collaborazione. Tutti coloro che sono disposti a salvaguardare le sorti della “Pungèla”, possono contattarci tramite la pagina Facebook denominata “Salviamo la Pungela” o all’indirizzo mail salviamolapungela@gmail.com".

pungela1-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

pungela2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Schianto all'incrocio tra un'auto e un bus con a bordo i passeggeri

  • La dura scelta controcorrente del barista: "Il bar è la mia vita, ma riaprire vorrebbe dire fallire"

  • Scontro tra due ciclisti nel sottopasso: uno è in condizioni gravissime

  • Perde il controllo della moto e cade nel fosso: interviene l'elicottero

  • La Riviera ha tanta voglia di ripartire: si anticipa la riapertura degli stabilimenti balneari

Torna su
RavennaToday è in caricamento