San Pietro in Trento, un nuovo oratorio con le reliquie di Giovanni Paolo II

Le reliquie di san Giovanni Paolo II, che rimarranno nella cappella di San Pietro in Trento su richiesta della fraternità, sono un dono per la fraternità del vescovo emerito di Cracovia

Doppia festa per la fraternità delle Dives in Misericordia di San Pietro in Trento. Domenica, nella giornata in cui la Chiesa celebra la festa della Divina Misericordia, la fraternità inaugura il nuovo oratorio Buon pastore. Si tratta di uno spazio polifunzionale a disposizione della fraternità ma anche dei gruppi che spesso fanno visita o partecipano alle attività della fraternità, che prevede una sala polifunzionale con la possibilità di proiezione di audiovisivi e un’abside con funzione liturgica.

Durante la solenne dedicazione dell’altare verranno deposte sotto l’altare le reliquie di santi e importanti testimoni della misericordia: San Leopoldo Mandic e San Giovanni Paolo II, autore delle encicliche “Dives in Misericordia” e “Christifideles laici” a cui la fraternità si ispira. Le reliquie di san Giovanni Paolo II sono un dono per la fraternità del vescovo emerito di Cracovia, già segretario del santo, il cardinal Stanislaw Dziwisz, che rimarranno nella cappella di San Pietro in Trento su richiesta della fraternità e con la condivisione e l’appoggio del vescovo di Forlì monsignor Lino Pizzi, che darà inizio alla celebrazione presieduta dall’arcivescovo emerito di Ravenna-Cervia, monsignor Giuseppe Verucchi. Di grande aiuto è stata la collaborazione del parroco di San Pietro in Trento, don Paolo Szymusiak, originario della Polonia.

La cerimonia avrà inizio alle 15 presso la sede della fraternità in via Alturie 5: le suore desiderano condividere questo momento di gioia con tutti coloro che vorranno partecipare. In questa occasione i fratelli e le sorelle dell’associazione Christifideles Laici rinnoveranno la loro promessa. La fraternità Dives in Misericordia è una comunità di religiose che è stata riconosciuta nella diocesi di Ravenna-Cervia nel 1990, dall’allora arcivescovo Luigi Amaducci. Una piccola fraternità che si ispira al carisma della misericordia e all’esempio di San Francesco d’Assisi. Dal 1999 a San Pietro in Trento, nella diocesi di Forlì-Bertinoro, oltre a svolgere attività pastorale, la fraternità gestisce la casa d'accoglienza Piccolo Gregge per anziani e malati, mentre una delle religiose si occupa della scuola dell’infanzia Madonna della Fiducia di Fornace Zarattini, nella diocesi di Ravenna Cervia. L’associazione Christifideles Laici è formata, invece da laici che partecipano, secondo la loro vocazione specifica, alla spiritualità della comunità religiosa “Dives in Misericordia” avendo come fonte comune la spiritualità francescana per essere esempio di comunione ecclesiale e per potenziare le energie apostoliche nell’evangelizzazione, secondo il carisma della misericordia.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      La birreria incontra il night club: "I soci potranno bere una birra godendosi uno spogliarello"

    • Cronaca

      Blitz anti-degrado in centro: la Municipale frena l’accattonaggio molesto

    • Incidenti stradali

      Ciclista travolta ed uccisa da un'auto: la Polizia Municipale cerca testimoni

    • Cronaca

      Intercettato mentre si trovava in auto: era evaso dai domiciliari

    I più letti della settimana

    • Dopo il tamponamento viene sbalzata nell'altra corsia e centrata in pieno: muore a 26 anni

    • Dramma sulla Circonvallazione di Faenza: un morto in un terribile frontale contro un camion

    • Faenza, tre nuovi autovelox: ecco dove sono stati installati

    • La bici si spezza nell'impatto: muore travolta da un'auto

    • "Lavoravo 70 ore a settimana a 5 euro l'ora, è lecito rifiutare lavori sottopagati"

    • Giorgia e Laura dicono "sì" davanti al sindaco: "Ora siamo una famiglia"

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento