Sequestrato un container di scarpe finte 'made in Italy': venivano dall'Albania

Prosegue senza sosta l'impegno della Guardia di Finanza di Ravenna e dell'Ufficio delle Dogane in ambito portuale, al fine di contrastare ogni forma di traffico illecito di merce

Prosegue senza sosta l'impegno della Guardia di Finanza di Ravenna e dell'Ufficio delle Dogane in ambito portuale, al fine di contrastare ogni forma di traffico illecito di merce. Nei giorni scorsi, infatti, i Finanzieri ravennati e i funzionari dell’Agenzia delle Dogane hanno proceduto al controllo di un container proveniente dall’Albania, dichiarato contenere calzature da lavoro antinfortunistiche apparentemente prodotte in Italia.

L’attività ispettiva avrebbe tuttavia permesso di rilevare che le scarpe erano state interamente realizzate e assemblate in Albania e riportavano falsamente la dicitura "100% Made in Italy", alterando così le informazioni sul loro effettivo luogo di fabbricazione e di provenienza. Le Fiamme Gialle e i funzionari doganali hanno quindi sottoposto a sequestro l’intera partita di merce, costituita da oltre 2.500 scarpe e denunciato all’Autorità Giudiziaria ravennate una cittadina albanese, legale rappresentante dell’azienda pugliese che stava importando il falso “made in Italy” attraverso il porto di Ravenna.

La contraffazione del made in Italy e l’utilizzo illecito di segni che possono indurre i consumatori a considerare come fabbricato in Italia un prodotto estero è una grave forma di illegalità, in grado di arrecare pesantissimi danni all’economia italiana e costituisce un vero e proprio inganno per i consumatori che, confidando nella notoria affidabilità del made in Italy, sono indotti ad acquistare prodotti che si fregiano illegittimamente della prestigiosa dicitura, ma che poi si rivelano falsi e di qualità ben inferiore alle aspettative. Un vero e proprio danno per la produzione nazionale, in grado di pregiudicare le imprese italiane che, nel rispetto della legalità, garantiscono quegli standard qualitativi e di sicurezza che rendono il made in Italy un brand competitivo sul mercato globale e ne fanno sinonimo di riconosciuta ed altissima qualità.

Foto 2-3-36

LE NOTIZIE DI OGGI

Il saluto degli amici a Cristian: "Sarai sempre il più forte". Autista indagato per omicidio stradale
Un nastro nero sulla canotta per ricordare la mascotte Cristian: "Ciao Leone"
Schianto fatale contro un'auto: morto giovane scooterista
La lite sul lavoro scoppia in aggressione: colpito alla testa con un tubo di ferro, è grave
Senza biglietto si rifiuta di scendere dal treno: "Situazione fuori controllo"
Nuovo autovelox fisso, presto altri tre in funzione: ecco dove sono
Non solo nuovi autovelox: previste anche nuove rotonde. Ecco dove saranno
Violento scontro tra tre mezzi: uomo incastrato nell'abitacolo del furgone
Sequestrato un container di scarpe finte 'made in Italy': venivano dall'Albania
Oltre 50mila nuovi posti docente per l'anno scolastico 2018/19: la situazione a Ravenna
Lotta alla zanzara tigre: dove ritirare il larvicida, multe fino a 516 euro per i 'furbetti'
Feste in spiaggia fino a tarda notte: fissate le serate in deroga

Potrebbe interessarti

  • I Consultori a Ravenna: elenco, indirizzi e servizi

  • Aperitivo a Ravenna: 5 locali ideali per un cocktail all'aperto

  • I borghi medievali romagnoli da non perdere

  • Trapianto di cornea a Ravenna: numeri in crescita, interventi e farmaci innovativi

I più letti della settimana

  • Trovano un portafoglio e lo consegnano ai Carabinieri: ma dentro c'era la droga

  • Pauroso scontro frontale in zona Bassette: sei feriti, ma per fortuna nessuno è in pericolo di vita

  • Tragico infortunio sul lavoro: resta incastrato nell'autolavaggio e perde un braccio

  • La scia di sangue non si ferma. Schianto sull'Adriatica, muore dopo 6 giorni di agonia

  • Accoltellato di fronte alla caserma della Municipale: scene da panico in Darsena

  • Si spoglia ubriaca in mezzo alla strada, poi aggredisce i poliziotti: in manette

Torna su
RavennaToday è in caricamento