Sempre più animali aggressivi abbandonati in canile: "Il problema non sono i cani, ma le persone"

Enpa: "A nostro parere, il motivo di tali presenze va ricercato principalmente nell’incomprensibile attrazione verso questi cani da parte di persone incapaci di gestire perfino un barboncino"

Da alcuni mesi al canile comunale, dove convergono cani dai territori comunali di Ravenna e di Russi, è aumentata la presenza degli ospiti. A segnalarlo è la sezione della provincia di Ravenna dell'Enpa, l'ente nazionale di protezione animali. "A questo dato negativo si aggiunge che, presso la struttura, si annoverano diversi Pitbull e Rottweiler, quasi tutti morsicatori e comunque aggressivi con gli altri soggetti. Stiamo parlando di animali adulti che non sono per nulla di facile gestione e che, quindi, sono condannati all’ergastolo in un box, in quanto non adottabili. A tale rilevante problematica si deve aggiungere il fatto che ciascuno di tali soggetti necessita di un singolo box, e quindi sorgono anche dei problemi logistici, dato che i box del canile non sono illimitati. Vi sono inoltre dei problemi di natura strutturale, dato che l’"esuberanza” degli ospiti mette a dura prova la resistenza delle recinzioni e dei cancelli. La tipologia degli altri ospiti del canile è alquanto variegata: si va da un numero consistente di pastori maremmani, a diversi cani da caccia e a non pochi soggetti anziani".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di fronte a questo scenario balza all’occhio la consistente presenza di molossoidi: "A nostro parere - continuano i volontari - il motivo di tali presenze va ricercato principalmente nell’incomprensibile attrazione verso questi cani da parte di persone incapaci di gestire perfino un barboncino. Così dobbiamo ascoltare le storie più strampalate e irritanti da parte di persone sconcertanti. A questa casistica va aggiunta quella di taluni sconsiderati che, per un cialtronesco bullismo, prendono un Pitbull o un Rottweiler per incutere timore verso il prossimo. Taluni più volenterosi, accortisi di aver adottato un cane non alla portata di tutti, si rivolgono a un educatore o a un comportamentalista, ma ormai è tardi: e allora bussano a tutte le porte per trovare il modo di “liberarsi” del non più gradito ospite, salvo poi di lì a poco, una volta risolto il problema, pensare di mettersi in casa un altro animale. Non va scordato infine che alcuni possessori di tali cani, qualche volta passano dal carcere. Noi ci sgoliamo e ci spendiamo costantemente per indire campagne sulle adozioni consapevoli e per educare i detentori d’animali, ma pare che per colpa di alcune persone il fenomeno, qui a Ravenna, sia in ripresa. Non adottate cani se non siete ben a conoscenza di ciò che fate: ve ne dovrete occupare e tenerlo con voi, senza abbandonarlo tutto il giorno in un misero recinto. Siate ben coscienti sul tipo di cane da adottare: non orientatevi secondo la moda, l’aspetto estetico o il desiderio di fare un dono al bambino. Maturità, consapevolezza e buon senso sono elementi indispensabili, altrimenti acquistate un peluche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento