Faenza, al via il servizio Piedibus: oltre 400 bimbi iscritti

Al momento gli alunni iscritti al Piedibus per l'anno scolastico 2017-2018 sono oltre 400

Con l'inizio del nuovo anno scolastico è partito anche quest'anno Piedibus al servizio delle scuole primarie faentine.  Oltre a contribuire alla riduzione di Co2 immessa nell'ambiente l’aspetto principale di Piedibus è essenzialmente educativo: i giovanissimi alunni che raggiungono la scuola assieme ai loro compagni di viaggio, imparano a gestire i tempi di “sveglia” e di preparazione mattutina per essere puntuali alle fermate sui rispettivi percorsi casa-scuola. Gli insegnanti, inoltre, hanno attestato che gli alunni che raggiungono la scuola con questa salutare ginnastica mattutina sono più pronti e svegli per iniziare con immediato profitto il lavoro scolastico. 

Un sentito ringraziamento dall'amministrazione comunale "va a tutti i volontari che si rendono disponibili per permettere e garantire questo servizio.  In particolare gli organizzatori invitano i nonni che abbiano piacere di iniziare la loro giornata con questo approccio salutista a rendersi disponibili". Non mancano infatti accompagnatori che proseguono il proprio servizio anche quando i loro nipoti, che accompagnavano a scuola con il Piedibus, raggiungono l’età per essere autonomi nel percorso casa-scuola.  Al momento gli alunni iscritti al Piedibus per l'anno scolastico 2017-2018 sono oltre 400: 120 alla Don Milani, 60 alla scuola Martiri Di Cefalonia, 200 alla Carchidio, 20 a Reda, 25 a Sant'Umiltà e 15 alla scuola Gulli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

  • Trova un portafogli pieno di soldi e lo restituisce all'anziano: "La mia religione mi impone di essere onesto"

Torna su
RavennaToday è in caricamento