Sgozzata con un taglierino, in appello ridotta la condanna al marito

In Corte d'Assise è infatti stato accolto il "concordato", una sorta di patteggiamento di secondo grado su cui avevano trovato accordo accusa e difesa

E' stata uccisa nella notte tra il 12 e il 13 aprile 2016 nella sua casa di Miravalle di Molinella, sgozzata brutalmente con un taglierino. Per l'omicidio della 51enne originaria di Cervia, Liliana Bartolini, era stato condannato il marito Andrea Balboni, un tassista 52enne. Oggi la sua condanna, di 16 anni, è stata ridotta in appello a 14: in Corte d'Assise è infatti stato accolto il "concordato", una sorta di patteggiamento di secondo grado su cui avevano trovato accordo accusa e difesa. Il difensore del marito aveva rinunciato ai motivi di impugnazione (a parte quello sul riconoscimento delle attenuanti generiche), con giudizio di equivalenza all'aggravante del rapporto di coniugio. In primo grado era caduta anche l'aggravante della crudeltà, contestata dalla Procura che, invece, aveva chiesto una condanna a 30 anni.

Sgozzata in casa, trovata l'arma del delitto dopo la confessione del marito

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Precipita per oltre cento metri dal sentiero di guerra del Pasubio: muore medico in pensione

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

  • Ennesimo scontro tra auto al solito incrocio di Fiumazzo. Anziano trasportato con l'elimedica al Bufalini

  • Il figlio è ubriaco e dà in escadescenza, la mamma chiama la Polizia: era ricercato per una condanna per tentato omicidio

Torna su
RavennaToday è in caricamento