Si laurea in due anni e mezzo con '117 e lode': "Ecco il mio trucco"

Per aver conseguito questi risultati, Felipe è stato premiato l'11 gennaio scorso come uno degli studenti più meritevoli d'Italia

Quella di Felipe Orrego, un ragazzo cileno di 22 anni che da 11 anni abita a Ravenna, è una di quelle storie che si vorrebbero leggere ogni giorno. Felipe si è laureato in soli due anni e mezzo al corso in inglese 'Business&Economics" all'Università di Bologna, frequentando il primo anno a Buenos Aires. "Mi sono laureato con 110 e lode, ma in verità avevo già 114 punti prima di presentare la tesi, dunque prendendo il massimo anche per la tesi il punteggio finale è stato di 117".

Per aver conseguito questi risultati, Felipe è stato premiato l'11 gennaio scorso come uno degli studenti più meritevoli d'Italia. "Martedì mi è stata rilasciata una pergamena di merito e un attestato di professionista accreditato dalla Fondazione Italia Usa - spiega Felipe - il cui scopo è intensificare gli scambi commerciali internazionali dell'Italia e i relativi progetti di marketing e comunicazione. Questa fondazione mi ha dato una borsa di studio del valore di 3600 euro per partecipare gratuitamente al Master online in Global Marketing, Comunicazione & Made in Italy". La cerimonia di premiazione si è svolta martedì alla Camera dei Deputati.

Per raggiungere questi brillanti risultati, Felipe ha un "trucco" che ci svela: "Ho raggiunto questi risultati anche grazie al fatto che ho frequentato un corso di apprendimento efficace che mi ha permesso di dimezzare i tempi di studio e ricordare tutto ciò che studiavo a lungo termine - racconta Felipe - Da grande voglio aprire una sede di questo corso in Cile. Il problema principale è che tutti impariamo davvero lentamente, a fatica e associamo sensazioni brutte allo studio, frequentando la scuola tradizionale. Mi sono reso conto che tutte le lezioni a scuola e all'università erano su cose da imparare, ma c'erano zero lezioni su come imparare, come funziona il nostro cervello, zero lezioni su come funziona la nostra memoria e come farla lavorare meglio. Ho fatto questo corso che mi ha permesso di stare concentrato per ore, leggere cinque volte più velocemente mantenendo il livello di comprensione, organizzare le informazioni con le "mappe mentali", ricordare tutto con delle tecniche facili da imparare. Tutto questo seguito da un preparatore personale che mi ha aiutato a personalizzare il metodo su di me. Ho pensato che se tutte le persone nel mondo potessero imparare e acquisire informazioni con questo metodo, vivremo sicuramente in un mondo migliore con medici, avvocati, politici e soprattutto insegnanti più competenti. Ho deciso di acquisire qui in Italia tutte le abilità necessarie per portare questo sistema di studio personalizzato in Cile e fare la differenza per il mio paese natale".

Ma non per questo Felipe rinnega il paese in cui ha svolto i suoi studi: "Penso che l'Italia abbia avuto alcune tra le più brillanti menti della storia e che ci siano opportunità infinite anche qua - racconta il ragazzo - E' un peccato che non ce ne rendiamo conto. Ad esempio, Maria Montessori, una delle prime donne italiane laureate in medicina, fece tantissima ricerca sui bambini e fondò una scuola più adatta alla natura del bambino. Spesso ignoriamo la genialità delle menti italiane come lei".

WhatsApp Image 2018-02-23 at 12.38.22(1)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Apre in centro un bar per giovani gestito da giovani: "E se prendi 30 e lode la colazione te la offriamo noi"

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

Torna su
RavennaToday è in caricamento