Si mettono al volante, sbandano e si schiantano: due incidenti con ubriachi a Ferragosto

In meno di 48 ore sono state controllate più di cento persone insieme ad una ottantina di veicoli, ma non sono mancate le denunce e le perquisizioni antidroga

I Carabinieri della Compagnia di Faenza, al comando del capitano Cristiano Marella, hanno intensificato  i controlli nella due giorni di Ferragosto, attuando un dispositivo di controllo del territorio per contrastare la commissione di reati ed assicurare la sicurezza stradale. In meno di 48 ore sono state controllate più di cento persone insieme ad una ottantina di veicoli, ma non sono mancate le denunce e le perquisizioni antidroga.

Il servizio aveva come obiettivo principale quello di scoraggiare le intenzioni dei malintenzionati alla ricerca di abitazioni lasciate incustodite per la classica “gita fuori porta”,  ma anche salvaguardare la sicurezza stradale, sia sulle principali arterie che nei centri abitati. Ancora troppo spesso, infatti, soprattutto nelle giornate di traffico intenso, si verificano gravi incidenti che il più delle volte risultano corollario del mancato rispetto alle norme del codice della strada.

Alcol e incidenti

Proprio in tema di sicurezza stradale, le pattuglie dell’Arma, oltre che alla velocità, si sono concentrate sul tasso alcoolemico degli automobilisti, con l’ausilio di precursori ed etilometri, così da prevenire sinistri stradali. Alla fine sono stati due i denunciati per “guida in stato di ebbrezza”: si tratta di un 28enne faentino alla guida di una “Opel Zafira”, che mentre stava percorrendo la via via Cimatti verso la periferia della città, ha urtato un marciapiede e si è fermato al centro della carreggiata, dopo aver abbattuto un cartello della segnaletica stradale. Quando i cCarabinieri sono giunti sul posto ed hanno sottoposto il conducente alla prove dell’etilometro, hanno accertato che aveva un tasso alcolemico pari a 1,99 grammi per litro. L’auto, oltre a presentare ingenti danni, era risultata priva della targa anteriore, che è stata recuperata in un secondo momento lungo la via Granarolo, in prossimità di un altro cartello stradale che il conducente aveva abbattuto qualche minuto prima.

Altro incidente

Nel secondo caso, mentre i carabinieri stavano pattugliando la zona di via celle per prevenire i furti, hanno fermato un monovolume condotta da un 50enne “pizzicato” con un tasso alcolemico di 1,79 grammi per litro. Una 52enne di Brisighella, invece, mentre si trovava alla guida di un suv, ha perso il controllo è andata a sbattere contro un albero. All'arrivo i militari hanno notato che la donna presentava i sintomi “tipici” dell’abuso di alcolici, però quando le hanno chiesto di sottoporsi all’alcol test, si è rifiutata categoricamente. E' scattata quindi la denuncia, con il ritiro della patente ed il sequestro del veicolo. Sempre per il tasso alcolico elevato, è stato inoltre sanzionato un 55enne faentino che completamente ubriaco si è presentato a casa della sua ex fidanzata, che a quel punto, si è vista costretta a telefonare al 112. per lui è scattata una multa di 103 euro.

Controlli in centro

Anche i controlli per le vie del centro a Faenza hanno portato “lavoro” ai militari dell’Arma: un 25enne originario dell’Algeria e residente a Palazzuolo sul Senio nonché un suo coetaneo originario della Romania, domiciliato presso un campo nomadi di Bologna, sono stati denunciati per aver violato il divieto di ritorno. I due, entrambi già noti alle forze dell'ordine, qualche mese fa per diverse ragioni erano stati allontanati da Faenza proprio dai carabinieri, visto che la loro presenza in città costituiva un pericolo per la sicurezza dei cittadini.

Droga

A seguito dei consueti controlli antidroga,  quattro assuntori sono stati segnalati al prefetto poiché trovati in possesso di modiche quantità di hashish e marjiuana per uso personale. Per due di loro è scattato anche il ritiro della patente di guida in quanto sono stati “pizzicati” con la droga in tasca mentre si trovavano alla guida della loro autovettura.

Furti

Sul fronte dei furti, sotto la lente di ingrandimento dei carabinieri sono finite soprattutto le zone dove sono presenti condomini ed abitazioni rimaste incustodite dopo la partenza per le vacanze dei proprietari. Non sono mancate le segnalazioni al 112 di residenti, che hanno chiesto un sopralluogo nei pressi delle proprie abitazioni dopo aver notato alcune “presenze” sospette. In altri casi si è rivelato molto utile il collegamento dell’allarme domestico al 112, che oltre a mettere in fuga i ladri ha consentito alle pattuglie di intervenire immediatamente (si ricorda che si tratta di un servizio gratuito e per eventuali informazioni riguardo la necessaria modulistica ci si può rivolgere alla più vicina caserma dei carabinieri.

Soprattutto in questo periodo di ferie estive, il capitano Marella sensibilizza i cittadini “a segnalare tempestivamente al “112” situazioni inconsuete che provengano da appartamenti vicini al proprio, a maggior ragione quando si è a conoscenza che gli occupanti si trovano in vacanza. Infine, fra gli accorgimenti da adottare per rendere la vita più difficile ai malitenzionati, si consiglia di evitare di pubblicare sui social network i propri spostamenti o informazioni da cui poter far desumere periodi di assenza dalle proprie abitazioni, infatti tali elementi potrebbero essere utilizzati dai ladri in cerca di qualche facile obiettivo da colpire”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

Torna su
RavennaToday è in caricamento