Alfonsine, "No allo stoccaggio del gas": già mille firme contro la centrale

“Ci è stato riferito che all’incontro sarà presente anche il sindaco di Alfonsine, Mauro Venturi – afferma Claudio Fabbri, presidente dell’Associazione – e questo incontro sarà una preziosa occasione per fare il punto della situazione"

Sabato, verso le 9.30, una delegazione della Associazione per la Tutela del Territorio e della Salute della Bassa Romagna, capofila del movimento contro la centrale di stoccaggio gas denominata “Alfonsine” - voluta dalla StoGit che, in base al progetto presentato, la vorrebbe realizzare nel territorio a ridosso dell’abitato alfonsinese - consegnerà nela Sede dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna in Lugo, al Presidente dell’Unione, il sindaco di Lugo, Raffaele Cortesi, le prime mille firme raccolte prevalentemente tra i residenti di Alfonsine, in calce alla petizione contro la centrale medesima.

“Ci è stato riferito che all’incontro sarà presente anche il sindaco di Alfonsine, Mauro Venturi – afferma Claudio Fabbri, presidente dell’Associazione –  e questo incontro sarà una preziosa occasione per fare il punto della situazione e per avere conferme o smentite circa l’orientamento attuale dell’Amministrazione Comunale di Alfonsine e dell’orientamento dell’Unione. Si tratta di firme pesanti, nel senso che sono state ottenute spiegando pazientemente persona per persona, la natura del progetto e le motivazioni che fanno apparire ragionevole e  motivato un netto diniego".

"Può sembrare kafkiano il caso - forse solo italiano sarebbe meglio dire - ma la delegazione incontrerà il massimo responsabile di un ente, l’Unione dei Comuni, per l’appunto, che si è dichiarato personalmente e pubblicamente contrario alla centrale, perché inutile e dannosa, mentre la maggior dei Sindaci della bassa Romagna, proprio a partire da quello di Alfonsine, si sono tenuti su posizioni molto attendiste e tendenzialmente favorevoli, pur senza darne pubblicamente motivazione. La mobilitazione continua” – conclude Fabbri -“verso le prossime mille firme e ancora e ancora. Il risultato è incoraggiante ma non basta e proseguiremo fino a quando non sarà scongiurata questa attività insostenibile da un territorio già fragile e colpito da fenomeni di subsidenza, degrado e inquinamento atmosferico”.-

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita lanciandosi sotto un treno: circolazione dei treni in tilt per ore

  • Una morte fredda e solitaria: si è spento Mark, il senzatetto di Pinarella

  • Ravenna in lutto: si è spento all'improvviso l'ex sindaco Fabrizio Matteucci

  • 'Accoglieteli a casa vostra', Fiorenza apre le porte a un rifugiato: "Grazie a lui ho ritrovato una famiglia"

  • Scontro in mare tra un peschereccio e un gommone: cinque feriti, due sono gravissimi

  • A soli 23 anni fa volare centinaia di persone nel mondo: "Ma quando decollo dal cielo cerco sempre Cervia"

Torna su
RavennaToday è in caricamento