Milano Marittima, taxisti abusivi nel mirino: trasgressore perde auto e patente

L'impegno contro il servizio di taxisti abusivi è svolto anche nel rispetto dell’accordo con Cna e Confartigianato, che sollecitano questo tipo di controllo

Taxisti abusivi nel mirino della Polizia Municipale. Gli agenti, coordinati dal responsabile della Polizia commerciale Davide Tombetti, sono stati impegnati in uno specifico servizio nell’area segnalata e dove di solito avvengono questo tipo di prestazioni nella zona di Milano Marittima. Infatti, dopo vari appostamenti, è stato sorpreso un conducente con un’auto con 8 persone a bordo appena caricate, alle quali era stato richiesto un contributo in denaro.

Una volta a destinazione l’autista poi sarebbe ritornato sul posto per caricare gli altri amici che non erano riusciti a salire. La pattuglia in contatto con altro personale ha segnalato il fatto, quindi l’autista è stato intercettato e fermato alla XIV Traversa. Per il conducente è scattato il ritiro patente di guida, il sequestro del mezzo ai fini della confisca, ed una sanzione amministrativa di 1.700 euro. Le persone trasportate sono state successivamente accompagnate a destinazione da taxi regolare.

"Questo è un ulteriore segnale importante di attenzione ai fenomeni complessivi legati ai temi della legalità, dell’abusivismo commerciale e non solo, che la nostra amministrazione ha messo in atto questa estate 2016 - commentano il sindaco Luca Coffari e l’assessore alla sicurezza Gianni Grandu -. Cogliamo l’occasione anche per esprimere gratitudine a tutto il personale della Polizia Municipale, per lo sforzo e l’impegno, che vanno oltre il normale svolgimento del servizio. La loro professionalità e la grande passione fanno sì che ci siano risultati positivi in favore della nostra comunità e dell’immagine turistica complessiva sulla sicurezza in città".

"Un grazie va anche a tutte le forze dell’ordine presenti sul nostro territorio, per il costante e insostituibile impegno. Infine abbiamo voluto dare concretezza alla campagna realizzata da Cna di Ravenna e Forlì-Cesena nei Comuni di Cervia e Cesenatico, presentata proprio nella nostra città, perché sono realtà territoriali molto simili, dove si trovano locali notturni e giovani che si spostano da una zona all’altra e perché, molto spesso, il servizio di trasporto effettuato da taxisti abusivi ha origine in un Comune diverso da quello di destinazione", continuano gli amministratori.

L'impegno contro il servizio di taxisti abusivi è svolto anche nel rispetto dell’accordo con Cna e Confartigianato, che sollecitano questo tipo di controllo, che peraltro nei giorni scorsi è stato effettuato anche dall’Arma dei Carabinieri con ottimi risultati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita lanciandosi sotto un treno: circolazione dei treni in tilt per ore

  • Una morte fredda e solitaria: si è spento Mark, il senzatetto di Pinarella

  • Ravenna in lutto: si è spento all'improvviso l'ex sindaco Fabrizio Matteucci

  • 'Accoglieteli a casa vostra', Fiorenza apre le porte a un rifugiato: "Grazie a lui ho ritrovato una famiglia"

  • Scontro in mare tra un peschereccio e un gommone: cinque feriti, due sono gravissimi

  • A soli 23 anni fa volare centinaia di persone nel mondo: "Ma quando decollo dal cielo cerco sempre Cervia"

Torna su
RavennaToday è in caricamento