Tenta di colpire un motociclista ma il poliziotto si lancia nella sua auto dal finestrino: in manette

Il ravennate ha continuato ad avanzare con l’auto anche quando l’operatore di polizia si è gettato letteralmente all’interno dell’abitacolo del veicolo attraverso il finestrino aperto

La Polizia di Stato ha arrestato un 42enne ravennate per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, minaccia grave e porto di armi o oggetti atti a offendere. Martedì sera, in via Canale Molinetto, l’attenzione di un equipaggio della Sezione Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico è stata attirata dai rumori di stridere di gomme che provenivano da via Bellucci.

Gli agenti hanno notato una Smart che sorpassava un motore frenandogli davanti: il conducente dell’auto è sceso velocemente e, impugnando qualcosa di scuro nella mano destra, è corso incontro al motociclista, che ha arrestato la marcia e con un’abile manovra ha  evitato di incorrere nel conducente dell’auto. Osservata la scena, uno dei poliziotti ha intimato al conducente dell’auto di fermarsi, ma questi è risalito a bordo del veicolo tentando di riprendere la marcia. Tuttavia l’agente lo ha raggiunto e, attraverso il finestrino, gli ha intimato ancora di fermarsi. Il 42enne ha continuato invece ad avanzare con l’auto, anche quando l’operatore di polizia si è gettato letteralmente all’interno dell’abitacolo del veicolo attraverso il finestrino aperto, rimanendo con parte del corpo fuori dallo stesso sino a quando non è riuscito a sfilare la chiavi dal quadro di accensione, al fine di impedire all'uomo di allontanarsi.

Il 42enne, con precedenti penali e di polizia per reati contro il patrimonio, la persona e in materia di stupefacenti è stato condotto in Questura dove, dopo aver accertato che la reazione dello stesso era stata originata da motivi di viabilità stradale, è stato arrestato per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, minaccia grave e porto di armi o oggetti atti a offendere. Nei confronti dell'uomo gli agenti delle Volanti hanno proceduto al sequestro di un tubo metallico ricoperto di nastro isolante, utilizzato per minacciare il motociclista, una piccozza e due coltelli che lo stesso custodiva all’interno della sua Smart. Il ravennate è stato sottoposto alla misura pre cautelare degli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La macabra sfida del 'Samara Challenge' arriva in Romagna: "Gioco pericoloso"

  • Vanno dal meccanico dopo l'incidente e ne fanno un altro: curiosa "scia" di sinistri

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • La crema antirughe dell'azienda di Cotignola vince il premio 'Bio Awards'

  • Elisa, Alessandra Amoroso, Guccini e Tiromancino: ospiti di lusso per "Imaginaction"

  • Agricoltori in ginocchio: "Crisi senza precedenti, le aziende gettano la spugna"

Torna su
RavennaToday è in caricamento