Terremoto e trivelle, Movimento 5 stelle: "Stop alle concessioni di estrazione nell'Adriatico"

E' la proposta avanzata da Andrea Bertani, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, e Ilaria Ricci Picciloni, capogruppo Movimento 5 Stelle in Unione dei comuni della Bassa Romagna

“La Regione valuti lo stop alle concessioni di estrazione e stoccaggio gas in Romagna e in Adriatico dopo il terremoto": è la proposta avanzata da Andrea Bertani, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, e Ilaria Ricci Picciloni, capogruppo Movimento 5 Stelle in Unione dei comuni della Bassa Romagna.

Terremoto, epicentro a Lido di Dante. Maestri: "C'è qualche collegamento con le piattaforme?"

"Secondo l'Ingv nella provincia di Ravenna sono possibili scosse di notevole entità perché insistono le stesse strutture che hanno generato il sisma di Mirandola del 2012, e il terremoto di lunedì notte dimostra ancora come anche la Romagna sia una zona ad alto rischio sismico - spiegano i due esponenti - Ecco perché, come fu fatto per il sisma del 2012, bisognerebbe pensare a come garantire al massimo il principio di precauzione sul tema dell’estrazione e dello stoccaggio degli idrocarburi, magari pensando proprio a una sospensione delle concessioni. Nell’aprile del 2016 si è svolto il referendum nazionale per abrogare la norma che estende la durata delle concessioni per estrarre idrocarburi in zone di mare (entro 12 miglia nautiche dalla costa) sino all'esaurimento della vita utile dei rispettivi giacimenti – ricorda Bertani - Chi allora diceva che lo stop alle trivellazioni in Adriatico avrebbe prodotto disoccupazione raccontava una bugia gigantesca: l’insuccesso al referendum infatti non ha prodotto incrementi, anzi, molte aziende del settore continuano purtroppo a essere in crisi da anni, perché si insiste a non volere pensare a una riconversione del settore verso le energie rinnovabili come stanno facendo molti paesi avanzati (si pensi ad esempio all’eolico offshore).  Se a questo scenario - anche se in questo caso sembrerebbe da escludere qualsiasi nesso – aggiungiamo i rischi di sismicità indotta (non ancora pienamente documentati, ma neppur mai scientificamente smentiti) e valutiamo anche i rischi che il terremoto stesso può causare in questo tipo di impianti, la presenza di attività estrattive e depositi è un qualcosa a cui potremmo tranquillamente dare una svolta, nella direzione di altri tipi di approvvigionamento energetico. Vale la pena di ricordare anche che “al fine di mantenere al più alto livello delle conoscenze gli standard di sicurezza per tali attività in zone sismicamente attive e in aree dove queste attività possono produrre deformazioni del suolo”, il Mise nel 2014 ha emanato delle linee guida per il monitoraggio delle attività di coltivazione, reiniezione e stoccaggio di idrocarburi. Queste prescrizioni sono state tutte puntualmente verificate ed attuate nelle attività in essere ed in quelle in progetto? Ecco perché chiediamo che la Regione valuti, così come fatto per il terremoto del 2012, di sospendere almeno nella zona dell’epicentro della scossa tutte le attività estrattive. Il principio di precauzione deve prevalere sugli interessi che, come abbiamo sempre dimostrato, sono di pochi e deturpano il nostro territorio".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il dramma di Lorenzo, morto annegato nel canale di Milano Marittima: studiava per diventare chef

  • Tragedia sulle strade: 17enne precipita nel canale e perde la vita

  • Fitta nebbia, scontro tra camion sulla Statale Romea Dir: lunghe code, arteria bloccata

  • Il dramma di Lorenzo, eseguita l'ispezione cadaverica. Perizia fotografica sulla minicar

  • Elezioni regionali, Marescotti: "Votiamo contro la cosa peggiore che possa capitare: la Lega"

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

Torna su
RavennaToday è in caricamento