Trivelle, il Roca scrive al Ministero: "Dipendenti più che dimezzati"

L'associazione che raggruppa una cinquantina di imprese del distretto offshore scrive al ministero dello Sviluppo economico per mettere nero su bianco la difficile situazione che stanno vivendo gli imprenditori ravennati

Dipendenti più che dimezzati e collocati in gran parte all'estero. Il Roca, l'associazione che raggruppa una cinquantina di imprese del distretto offshore di Ravenna, scrive al ministero dello Sviluppo economico per mettere nero su bianco la difficile situazione che stanno vivendo gli imprenditori ravennati.

Al momento impiegano infatti "solo 4.000 persone, di cui la maggioranza assunte nei Paesi di commessa all'estero", quando pochi anni fa superavano le 10.000, "per lo piu' basati a Ravenna". La crisi del settore, entra nel dettaglio il presidente Franco Nanni, è causata "anche da una rilevante incertezza normativa" e dal "recente fermo indiscriminato delle attività di prospezione e ricerca", che ha prodotto "l'azzeramento ingiustificato delle prospettive di investimento nel settore e distrutto l'attività locale delle Pmi". Il Roca per primo, prosegue la lettera, riconosce "l'importanza della tutela ambientale e la necessità di utilizzare il gas solo come traghettatore verso l'energia rinnovabile". Tuttavia è inaccettabile "uno stop totalmente non ponderato e controproducente", in attesa di un Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee, il Pitesai, "che non ha criteri definiti".

Da qui la richiesta di "avere da subito la certezza di poter continuare ad operare ed investire nelle zone di mare che residuano alle Aree marine protette e alle Amp istituende". Gli operatori del settore, conclude Nanni, "vogliono apportare il proprio contributo alla politica energetica del Paese. Nel mare Adriatico in aree non interessate da vincoli ambientali abbiamo ancora grandi riserve di gas che non vengono sfruttate". E il metano è "necessario per almeno 30-50 anni di transizione e la ricerca di questa risorsa non può essere bandita indiscriminatamente". (fonte Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Tutta la comunità di Classe in lutto: dopo una lunga malattia è morto Andrea Panzavolta

  • Cause, sintomi e rimedi per l'anoressia sessuale

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Schianto tra camion e furgone all'incrocio: operaio grave in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento