Tutela dell'agricoltura, Coldiretti: "Bene il via libera al contenimento dei cinghiali"

Così Coldiretti Ravenna commenta positivamente gli atti assunti dalla Regione al fine di prevenire e ridurre i danni alle produzioni agricole

"Il via libera al calendario venatorio con l'apertura della selezione al cinghiale concessa sui propri fondi anche agli agricoltori è fondamentale per tutelare i raccolti di collina minacciati dalla proliferazione incontrollata degli ungulati”. Così Coldiretti Ravenna, che nelle scorse settimane aveva sottolineato a più riprese la necessità di riattivare i piani di controllo 'congelati' dal lockdown connesso alla pandemia Covid-19, commenta positivamente gli atti assunti dalla Regione al fine di prevenire e ridurre i danni alle produzioni agricole.

Da lunedì 4 maggio, infatti, in concomitanza dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni del governo legate alla Fase 2 e dell’ordinanza regionale che consente la selezione del cinghiale con spostamenti nell’ambito provinciale nel rispetto delle distanze interpersonali di sicurezza, è ripartito ufficialmente il calendario venatorio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Già nelle settimane precedenti l'assessorato all'agricoltura regionale, dopo nostre sollecitazioni – commenta il Direttore di Coldiretti Ravenna, Assuero Zampini - aveva riattivato i piani di controllo del cinghiale che si svolgono sotto il coordinamento delle Province negli ambiti territoriali in cui la caccia è vietata, riconoscendone la pubblica utilità. Altro passaggio importante della delibera firmata dall'assessore Mammi, la concessione alle Province di avvalersi nel controllo della specie anche degli agricoltori muniti di licenza di caccia, che ora possono operare sui terreni di loro proprietà o che hanno in conduzione. Tutti interventi, questi, indispensabili ai fini della tutela del reddito agricolo e anche della sicurezza pubblica dato che gli ungulati sono spesso causa di incidenti stradali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • Schianto all'incrocio all'alba: automobilista in gravi condizioni

  • Sbaglia la manovra nello scambio di carreggiata: grave un motociclista

  • La giovane coppia dà nuova vita al luna park: "Ravviveremo Lido di Classe, mai perdere la speranza"

  • Coronavirus, muore una donna residente nel ravennate

  • Cade con la bici tra le rocce della palizzata: è in gravi condizioni

Torna su
RavennaToday è in caricamento