"Tutelare le donne che allattano"

"Credo sia opportuno a chi di dovere anche a Ravenna non sottovalutare questo aspetto, dando tutte le rassicurazioni possibili del caso alle donne affinch'esse insieme ai bambini possano sentirsi tutelati"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

"Mentre tutti sono concentrati nella lotta al Covid-19 con materiali (mascherine, guanti e detergenti) distanza di sicurezza (150 centimetri) e finanziamenti, c'è una fascia di ciu non si è parlato più di tanto: quella delle donne in dolce attesa e le mamme che allattano. In effetti l'associazione di volontariato sostiene che tante siano le preoccupazioni delle donne in gravidanza che si chiedono cosa ne sarà del nascituro o bimba in grembo qualora dovessero risultare positive al Covid-19; così anche per le mamme in allattamento. Qualora fosse un nervo scoperto durante questa lotta contro il Coronavirus, in virtù dell'importanza della vicenda visto che si tratta di bambini e donne in gravidanza, credo sia opportuno a chi di dovere anche a Ravenna non sottovalutare questo aspetto, dando tutte le rassicurazioni possibili del caso alle donne affinch'esse insieme ai bambini possano sentirsi tutelati".

Charles Tchameni Tchienga, presidente "Il Terzo Mondo Onlus"

Torna su
RavennaToday è in caricamento