Una giovane scrittrice ravennate racconta il femminicidio: "La violenza non ha colore nè ceto"

"Ci è più facile pensare alla violenza di genere se riferita a contesti poveri o rurali appartenenti al secolo scorso, ma ricordo ancora il mio stupore davanti al caso dell’avvocatessa sfregiata con l’acido"

È Elisa Bertini, 29enne giornalista ravennate, una dei tre autori del volume “Amori malati: tre casi di femmincidio” della collana del Giallo Mondadori. Lo speciale si compone di tre opere: “L’Amore Malato” di Oriana Ramunno, “Ombre Viola” di Antonio Tenisci, e “Nerocuore”, della scrittrice ravennate.

Femminicidio. Un tema forte, che Elisa Bertini ha scelto di affrontare “dall’angolazione scomoda e politically incorrect del mio personaggio, Minerva Mai: una donna istruita, indipendente e cosmopolita, una donna forte, emblema sfavillante del nostro millennio che, nonostante tutto, si scontra violentemente con la concezione retrograda e sessista della donna che sta alla base di questo tipo di soprusi. Minerva Mai è un’antieroina, una cinquantenne senza peli sulla lingua che da pubblicitaria milanese è finita a fare la chiromante in una fiera medioevale itinerante, una donna alfa che da leonessa si ritrova preda a causa delle persecuzioni dell’ex-marito, ‘il Mostro’. E proprio lei, che vorrebbe solo scappare per non dover più guardare in faccia alla violenza, in un moto tutto egoistico e più che comprensibile di puro istinto di sopravvivenza, si troverà suo malgrado invischiata, senza poterla ignorare, nella violenza subita da un’altra vittima. Una che, a differenza sua, non ha più una vita da difendere. Minerva indagherà infatti sul caso di Anna Grimaldi, ricca e giovane donna uccisa da un amante misterioso, raggiunta dall’efferatezza anche nel suo mondo protetto e dorato. Ed è proprio questo che mi interessava mostrare: come la violenza possa dilagare ovunque, se non combattuta, persino in mondi così distanti, così impensati. Ci è più “facile” pensare alla violenza di genere se riferita a contesti poveri o rurali appartenenti al secolo scorso, o più indietro ancora, ma ricordo ancora il mio stupore - e quello dell’opinione pubblica - davanti al caso dell’avvocatessa sfregiata con l’acido. È questa la barriera che bisogna rompere, a costo di gridarlo: che l’infezione non ha barriere, colore o ceto, ma può essere arginata con la consapevolezza e l’educazione, sempre, al rispetto comune”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ladri fanno incursione in una casa e rubano un armadio blindato pieno di armi

  • Cronaca

    Il suo corpo galleggiava in acqua: muore un turista straniero di 55 anni

  • Cronaca

    Ubriaca insulta e prende a calci e pugni i Carabinieri: caos in un bar sull'Adriatica

  • Economia

    L'Acmar approva il bilancio e conferma le commesse di Mirabilandia e i lavori sull'A1

I più letti della settimana

  • Michelle Hunziker sceglie Milano Marittima per una vacanza con la sua famiglia

  • Sciagura stradale sulla Variante di Alfonsine, scontro tra moto: un morto e un ferito grave

  • Esplode il pneumatico: camion lo colpisce e perde il carico di pesche in autostrada

  • Ubriaca fradicia urta con l'auto una famiglia in bici: denunciata una neopatentata

  • Liquami organici in acqua: scatta il divieto temporaneo di balneazione

  • La crisi affonda un altro negozio del centro: "Dopo sei anni sono stanca di combattere contro i mulini al vento"

Torna su
RavennaToday è in caricamento