Una giovane scrittrice ravennate racconta il femminicidio: "La violenza non ha colore nè ceto"

"Ci è più facile pensare alla violenza di genere se riferita a contesti poveri o rurali appartenenti al secolo scorso, ma ricordo ancora il mio stupore davanti al caso dell’avvocatessa sfregiata con l’acido"