L'Università compie 30 anni: e la facoltà di Medicina punta a insediarsi a Ravenna

Il pubblico che ha riempito il salone dei mosaici ha applaudito i molti interventi succedutisi nel corso della manifestazione del Partito repubblicano italiano "Trent'anni di Università a Ravenna con il sostegno del Pri"

Il pubblico che giovedì ha riempito il salone dei mosaici ha applaudito i molti interventi succedutisi nel corso della manifestazione del Partito repubblicano italiano "Trent'anni di Università a Ravenna con il sostegno del Pri", così come alle conclusioni di Eugenio Fusignani, vicesindaco e candidato repubblicano di 'Più Europa' alle prossime elezioni europee.

Fusignani ha sottolineato come "i dipartimenti e i corsi di laurea insediatisi con successo a Ravenna e Faenza, unitamente a tutte le sedi romagnole, abbiano raggiunto una qualità e un prestigio tali da essere annoverati come eccellenze rivolte all'Europa, ed è intenzione dei repubblicani difenderle e accrescerle come hanno fatto in tutti questi anni. Da Beni culturali a Giurisprudenza, Scienze ambientali, Ingegneria e Infermieristica e a tutti i Master, i nostri corsi sostengono imprese ed economia e sono utili per consolidare la nostra crescita. Purtroppo l'attuale Governo del Paese non ci aiuta nè sulle infrastrutture nè sulla difesa dell'Oil&gas, che a Ravenna ha saputo innovarsi proprio con il primo corso universitario in Italia in materia di offshore. E per questo sosteniamo tutte le nuove idee che oggi docenti e studenti ci hanno illustrato, sia per nuovi servizi universitari in città, sia per Medicina che intende insediarsi".

L'incontro, aperto dagli interventi di Stefano Ravaglia, segretario del Pri di Ravenna e Piergiorgio Vasi, consgliere comunale del Pri e studente universitario, è stato condotto da Giannantonio Mingozzi, presidente del Terminal Container di Ravenna  che ha ricostruito le tappe salienti di questi 30 anni di storia universitaria ponendo poi alcune domande agli ospiti accademici, imprenditoriali e istituzionali che hanno risposto con passione. Mingozzi ha sottolineato come le imprese del porto siano tra le prime a sostenere l'inserimento dei neolaureati e a finanziare l'attività di Flaminia. Poi Chiara Francesconi, capogruppo PPri RI in consiglio comunale e presidente della Commissione Università, istruzione, sport e grandi eventi dopo aver espresso il riconoscimento dei repubblicani a docenti e studenti e alla Fondazione Flaminia nata proprio 30 anni or sono, si è soffermata sull'importanza dell'Accademia a Ravenna, con corsi parificati agli studi universitari, ricordando come "il Pri intenda difendere fino in fondo il diritto alla statizzazione come espressione della storia ravennate e non di altri", e sottolinenando come "un'altro grande impegno dei repubblicani continui a essere il pieno riconoscimento dei corsi e delle scuole di Mosaico che sono parte ineludibile della storia artistica di Ravenna e di tutta l'Europa".

Image.15574703498230-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Il dramma di Lorenzo, morto annegato nel canale di Milano Marittima: studiava per diventare chef

  • Tragedia sulle strade: 17enne precipita nel canale e perde la vita

  • Il dramma di Lorenzo, eseguita l'ispezione cadaverica. Perizia fotografica sulla minicar

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

Torna su
RavennaToday è in caricamento