Podio tutto keniota per la Maratona città d'arte: trionfa Japheth Kosgei

Anche quest'anno il vincitore della Maratona di Ravenna città d'arte è un corridore del Kenya, così com'è keniota tutto il podio maschile

Foto Massimo Argnani

Anche quest'anno il vincitore della Maratona di Ravenna città d'arte è un corridore del Kenya, così com'è keniota tutto il podio maschile. Un fiume colorato e ricco di entusiasmo ha invaso Ravenna dall’8 al 10 novembre in occasione della 21esima edizione della Maratona di Ravenna Città d’Arte. Un evento atteso da mesi e che non ha tradito le attese portando nel capoluogo bizantino ben 18mila partecipanti ai diversi appuntamenti in programma, polverizzando il record di 15mila presenze fatto registrare appena dodici mesi fa.

A trionfare, quest'anno, è il keniota Japheth Kosgei, che ha tagliato la linea del traguardo dopo 2 ore, 10 minuti e 42 secondi, battendo il suo primato stagionale e il campione dell'anno scorso - il compatriota Murgor, che aveva realizzato un tempo di 2 ore, 12 minuti e 36 secondi - di quasi due minuti. Podio tutto keniota: il secondo posto è andato ad Alex Kiprotich Trikoi, con 2 ore, 17 minuti e 40 secondi; terzo gradino del podio per Paul Koech Kimutai, con 2 ore, 18 minuti e 59 secondi. La vincitrice della gara femminile è stata invece Pascalia Jepkogei in 2h33”28. Nella Half Marathon vittoria del keniano Sammy Kipngetich in 1h08”27 e della ruandese Clementine Mukandanga in 1h14”12.

Nei campionati italiani di Maratona, titoli assoluti per René Cunéaz, tesserato Cus Pro Patria Milano, e Sarah Giomi, Dribbling, entrambi al primo successo a livello nazionale. Il 31enne valdostano ha chiuso le sue fatiche in 2h20”22, alle sue spalle Joachim Nshimirimana dell’Atletica Casone Noceto, toscano d’adozione ma originario del Burundi, nazione per la quale ha partecipato a due Olimpiadi, con il tempo di 2h24”27. Terzo posto per Andrea Astolfi, Cus Pro Patria Milano, in 2h24”33. Nella gara femminile Sarah Giomi, 34enne di Bolzano, ha centrato il titolo con il record personale in 2h40”10. Sul podio tricolore anche la romagnola Martina Facciani, argento col tempo di 2h42”25 e la bergamasca Eliana Patelli in 2h45”13. Nella giornata ravennate sono stati poi assegnati anche i titoli italiani Master e quelli dei Campionati tricolori Bancari e Assicurativi.

Ma il weekend dell’edizione 2019 della Maratona di Ravenna Città d’Arte sarà ricordato soprattutto per i grandi numeri fatti registrare, iniziando già da sabato 9 novembre, numeri che ancora una volta danno ragione al grande impegno profuso da tutto lo staff e le centinaia di volontari che supportano Ravenna Runners Club in questa autentica impresa. Sabato tantissimi ravennati si sono dati appuntamento nei Giardini Pubblici per prendere parte alla "Conad Family Run", la non competitiva da 2,5 Km, e alla "Dogs & Run", la maratonina a sei zampe con cani e padroni uniti in un’esperienza unica e divertente. E poi, l’incredibile afflusso del pubblico all’interno dell’Expò Marathon Village fra stand, ritiro dei pettorali e dei pacchi gara. Un sabato concluso con circa 5.000 presenze, risultato dei 4.089 partecipanti alla Conad Family Run ed ai 300 cani della Dogs & Run accompagnati da intere famiglie e gruppi di amici con 1.000 persone al seguito dei simpaticissimi quattro zampe.

Ma il momento più emozionante è stato senza dubbio quello dello start di domenica. Una doppia partenza dall’arco di Via di Roma, la prima riservata a Maratona e Mezza Maratona, con 5.098 runner iscritti nei giorni precedenti (2.266 per la 42K e 2.832 per la 21K). Poi, il momento da brividi che l’intera città si è regalata con la Martini Good Morning Ravenna 10,5K ed i suoi 8.000 iscritti con il sold out dichiarato già dal sabato pomeriggio. Una valanga di sorrisi, saluti, brividi lungo la schiena e la voglia, semplicemente, di far parte di un grandissimo evento sportivo e non solo. Un weekend dunque da 18mila partecipanti che ha portato in Romagna un numero ancor più imponente di turisti e visitatori da ogni angolo del mondo. Una vetrina incredibile per una Ravenna mai così bella.

VIDEO - In migliaia al via per la Maratona di Ravenna: emozionante gara per la città

"In una bellissima giornata come quella di oggi, nella quale la Maratona ha nuovamente bruciato tutti i record facendo vivere bellissimi momenti agli atleti, ai cittadini, a tutta la nostra comunità e portando le bellezze di Ravenna alla ribalta internazionale, ci dispiace e ci scusiamo del fatto che nell’ambito di un’organizzazione dell’evento pressoché perfetta non sia stato evitato l’impiego di bicchieri di plastica nei quali sono state versate le bevande distribuite ai punti di ristoro - commentano dal Comune di Ravenna e da Ravenna runners club - Naturalmente grazie all’intervento degli uomini e dei mezzi di Hera la città tornerà a essere pulita e accogliente quanto prima. Ciò non significa naturalmente che l’attenzione che già da tempo è stata dedicata a ridurre i consumi di plastica e a sensibilizzare la collettività a comportamenti ambientalmente responsabili, come ad esempio questa estate con la campagna #ilmaredicebasta, non debba interessare anche eventi di una portata tale quella della Maratona. Per questo l’edizione 2020 terrà sicuramente in considerazione questo aspetto, prevedendo l’esclusivo impiego di materiali compostabili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

  • Precipita in un canalone con la mountan bike: attimi di terrore per un ravennate

Torna su
RavennaToday è in caricamento