2018 difficile per il Condifesa: "Apriremo la campagna assicurativa 2019 il prima possibile"

Inoltre il Condifesa Ravenna intende riuscire a modificare il sistema di calcolo delle rese che in questi anni sta penalizzando pesantemente i soci e limitando il ricorso all’assicurazione agevolata

Mipaaft e Agea, dopo un lungo periodo di provvedimenti correttivi per raggiungere gli obiettivi della programmazione Pac e, soprattutto, per non restituire le risorse alla Comunità Europea, hanno avviato una reale accelerazione nell’assegnazione degli aiuti; in pochi mesi sono stati erogati – e stanno continuando ad erogare – i contributi che spettano alle aziende agricole, in attesa da tre anni. Ministero e Agea, con grande sforzo, stanno portando a termine il pagamento degli aiuti delle annate 2015, 2016 e 2017; oltre a questo stanno accelerando anche per l’erogazione degli aiuti del 2018 con l’obiettivo di chiudere il tutto entro metà del 2019 riportando le tempistiche di pagamento all'ordinarietà.

"Siamo consapevoli del malessere che il sistema di pagamenti gestito dal Mipaaft e Agea ha generato nella base sociale – afferma il Presidente Francia – Il Condifesa di Ravenna ha sempre operato nell’interesse unico di tutela dei soci con l’obiettivo primario di non fare mai anticipare la parte del contributo che gli stessi devono incassare. Questo, naturalmente, ha un costo, ma ha anche il grande vantaggio di non far pesare sulle aziende le inefficienze della Pubblica Amministrazione mostrate in questi anni". Tutto questo ha portato, e porterà ancora nei prossimi mesi fino alla chiusura definitiva delle annate 2016-2017-2018, all’invio ai soci del Condifesa Ravenna di più rate di pagamento dei contributi associativi concentrate in poco tempo.

"A questo si è aggiunta la prima rata del 2018 che, ne siamo perfettamente coscienti, è stata molto più pesante del normale a causa dell’aumento delle tariffe e delle esposizioni bancarie determinate dai ritardi nei pagamenti degli aiuti comunitari che hanno portato il Condifesa ad anticipare i contributi per più annate - spiega Francia - In ogni caso la maggior quota pagata in prima rata verrà recuperata dai soci nella rata a saldo dopo l’erogazione del contributo che dovrebbe avvenire entro i primi mesi del 2019. Nonostante tutte queste difficoltà, la base sociale del Condifesa ha sempre risposto, e sta continuando a rispondere, in maniera forte e compatta rispettando gli impegni presi e consentendo al Condifesa di adempiere ai propri obblighi nei confronti delle Compagnie di Assicurazione e delle Banche. Per questo ringraziamo tutti i soci, consapevoli dello sforzo che tutti abbiamo dovuto compiere in questo anno. Speriamo che le difficoltà, che ancora ci sono, possano essere presto superate consentendo finalmente al Consorzio di tornare a concentrarsi maggiormente su quello che è il suo ruolo primario di rappresentanza e di tutela dei propri soci, che comunque in questi anni c’è stato ed è stato molto forte, nei confronti delle Compagnie e delle Istituzioni, e non quello di fare da banca per coprire i ritardi generati dal sistema".

L’augurio per il 2019 è quello di poter finalmente arrivare alla normalità nelle tempistiche dei pagamenti e di poter aprire la campagna assicurativa il prima possibile a condizioni e tariffe congrue. Inoltre, insieme ad Asnacodi, il Condifesa Ravenna intende riuscire a modificare il sistema di calcolo delle rese che in questi anni sta penalizzando pesantemente i soci e limitando il ricorso all’assicurazione agevolata. Assicurazione agevolata che, nonostante tutte le difficoltà, sta continuando a dare risposte concrete; anche quest’anno, infatti, sono stati tanti gli eventi calamitosi che hanno portato ad erogare, da parte delle Compagnie con le quali il Condifesa Ravenna ha siglato gli accordi, 31 milioni di Euro di risarcimento ai soci del Condifesa. Intanto - con la possibilità di presentare la manifestazione di interesse 2019 e con l’accordo raggiunto con alcune Compagnie – il Condifesa Ravenna ha già dato avvio alla campagna 2018/19 per i cereali autunno vernini; a breve, infine, verrà avviata la trattativa per poter mettere in copertura in tempo utile anche le restanti produzioni vegetali.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Caos in stazione: il treno si "dimentica" la fermata, poi fa retromarcia

  • Incidenti stradali

    Sciagura sui binari in serata: perde la vita travolto da un treno

  • Cronaca

    Occhio ai controlli: su quali strade si trovano i velox questa settimana

  • Cronaca

    Dal Comune 2,5 milioni per il recupero della Chiesa e del convento dei Servi

I più letti della settimana

  • Forte terremoto, epicentro a Ravenna. Chiudono nidi, scuole e università

  • La tragedia in A14bis ripresa dalle telecamere, guidatore non si accorge della fila di auto ferme

  • L'Ingv: "L'area colpita dal terremoto è ad alta pericolosità sismica"

  • Tragedia in A14, nella drammatica carambola muore una ragazza

  • Terremoto, vertice in Prefettura. L'Ingv: "A Ravenna sono possibili scosse fino a magnitudo 6"

  • Nel drammatico schianto in autostrada perde la vita una 21enne

Torna su
RavennaToday è in caricamento