Agenti di commercio: le richieste del sindacato in vista delle elezioni

Irap, autovettura, giovani e Iva sono i quattro punti ritenuti irrinunciabili dalla categoria che in Romagna conta oltre mille associati

Il Sindacato provinciale Fnaarc (Federazione nazionale associazioni agenti e rappresentanti di commercio) Confcommercio provincia di Ravenna invierà ai partiti politici un documento con le richieste della categoria in vista delle elezioni del 4 marzo. Il documento è stato approvato dal Comitato di Presidenza nazionale Fnaarc Confcommercio di cui fa parte anche il vice presidente nazionale Ottavio Righini, Presidente del Sindacato Fnaarc provincia di Ravenna.

"La Fnaarc rappresenta 60mila agenti di commercio (oltre mille in Romagna) raggruppati in 110 associazioni territoriali presenti in ogni provincia italiana. In Italia sono 250mila i professionisti della vendita iscritti all’Enasarco e intermediano oltre il 70% del Pil - spiega Righini - Sono altresì una risorsa fondamentale per lo sviluppo delle piccole e medie imprese, ma anche di gran parte del settore produttivo industriale ed agricolo. Ma anche per questa categoria la crisi di questi anni ha colpito non poco e la categoria si aspetta un concreto aiuto da parte del Governo. Ecco il perché dell’appello a tutte le forze politiche in campo per ottenere poche cose ma determinanti e da molti, anche al di fuori dei diretti interessati, ritenute sacrosante e doverose".

"Quattro sono stati punti ritenuti irrinunciabili affinché a questi lavoratori autonomi sia consentito migliorare la loro condizione lavorativa - elenca Righini -  Irap: definire per legge cosa si intende per autonoma organizzazione, una precisazione che determini i criteri di assoggettabilità per gli agenti di commercio che varrebbe anche ad eliminare un’inutile proliferazione di cause oggi in piedi in molti tribunali italiani. Il 90% degli agenti paga questa tassa anche se oggettivamente non dovuta; autovettura: aumento del valore di deducibilità ai fini fiscali. L’attuale valore massimo di deduzione di euro 20.658,00 (più iva) è bloccato dal 2004, non trova più contestualizzazione nei nuovi costi d’acquisto di auto sicure, affidabili ed eco-sostenibili in grado di sostenere un intenso utilizzo (si pensi che un agente usa l’auto come fosse il proprio ufficio e vi passa alla guida molte ore ogni giorno); giovani: riduzione della contribuzione Inps all’inizio dell’attività di agenzia. Si chiede la riduzione dei contributi previdenziali Inps in allineamento al regime fiscale dei minimi. Tale provvedimento darebbe modo ai neo agenti di affrontare il periodo di avviamento dell’attività caratterizzato da molte spese e ricavi spesso molto bassi; iva: no all’aumento. Ove ci fosse conferma dell’aumento dell’Iva al 25% da inizio 2019 penalizzerebbe non solo il commercio, ma tutti i cittadini con recessione dei consumi e ritorno nuovamente in piena crisi. Gli Agenti Fnaarc chiedono quindi maggiore attenzione da chi si candida a guidare il Paese oggi, ma soprattutto da coloro che lo guideranno dal 5 marzo prossimo, indipendentemente da chi sarà, per la loro crescita ma anche per contribuire alla crescita dell’Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

Torna su
RavennaToday è in caricamento