Caccia, approvato il piano regionale faunistico-venatorio: "La tutela delle specie protette è la priorità"

Il consigliere Bagnari ha sottolineato come il piano faunistico regionale “rappresenti il principale strumento per raggiungere l’obiettivo di regolare la pianificazione e programmazione faunistico-venatoria del territorio”

L'Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna ha approvato il piano regionale faunistico-venatorio regionale dell’Emilia-Romagna 2018-2023. Il consigliere regionale Mirco Bagnari, in qualità di relatore di maggioranza, ha sottolineato come il piano faunistico regionale “rappresenti il principale strumento per raggiungere l’obiettivo di regolare la pianificazione e programmazione faunistico-venatoria del territorio”.

"Grazie a questo documento vengono definite le linee guida per quanto concerne le finalità e gli obiettivi di gestione della fauna selvatica e la regolamentazione dell’attività venatoria – spiega Bagnari – Si tratta di uno strumento importante per garantire omogeneità alle attività svolte dai soggetti pubblici e privati a vario titolo interessati dalla gestione della fauna selvatica. L’obiettivo principale che la Regione si propone nel piano è la compatibilità della presenza della fauna con le attività agricole e l’incidentalità stradale. La tutela delle specie protette è una priorità gestionale, ma per rendere compatibile tale presenza nelle comunità l’unico strumento di cui si dispone e che la Regione annualmente finanzia è la messa in opera di adeguati presidi di prevenzione".

Il piano regionale ha svolto un iter lungo oltre 2 anni durante i quali sono stati consultati i diversi portatori d’interesse, dalle organizzazioni professionali agricole alle associazioni venatorie a quelle di protezione ambientale. "Si tratta di una programmazione di durata quinquennale – prosegue Bagnari – ed è il primo Piano con valenza sull'intero territorio regionale. Prende le mosse dall'analisi delle specie faunistiche presenti in Emilia-Romagna e della loro distribuzione sul territorio per definire unità territoriali omogenee a seconda dei livelli di concentrazione delle varie specie e delle peculiarità dei vari ambienti, utile anche a raccogliere dati e informazioni più precise. L'ultima parte del Piano, infine, concerne la regolazione degli istituti faunistici con finalità   pubblica e privata, con particolare attenzione, per quanto riguarda quelli a finalità privata, agli ambiti territoriali di caccia (Atc), data la peculiare funzione di gestione venatoria nel territorio: tutti questi organismi vengono coinvolti e responsabilizzati nel raggiungimento degli obiettivi del piano e nella raccolta e fornitura di dati per migliorare sempre di più la gestione del territorio. Infine, l'appendice riguarda la gestione del lupo e degli ibridi, il cui controllo passa attraverso monitoraggio e prevenzione e su cui , anche grazie ad un apposito ordine del giorno, si chiede al Governo un intervento di chiarimento a livello normativo per riuscire finalmente a gestire una questione crescente su cui la Regione sta investendo risorse consistenti sugli interventi di prevenzione a tutela delle attività agricole".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La gestione faunistico venatoria – conclude Bagnari – non può essere ridotta ad una battaglia ideologica pro o contro la caccia ma deve essere affrontata con buon senso sapendo che una gestione di qualità del territorio ha bisogno del contributo di ogni componente anche per assicurare spazio e tutela alle attività agricole che in questi anni hanno subito in maniera crescente subito  danni (pari a 12,5 mln di euro in 5 anni) provocati dalla fauna selvatica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

Torna su
RavennaToday è in caricamento