Cmc, c'è l'ok del Tribunale al concordato preventivo: "Passo fondamentale per il futuro della cooperativa"

Il Tribunale di Ravenna ha ammesso Cmc Ravenna alla procedura di concordato preventivo. Ad annunciarlo è la stessa cooperativa che, in una nota, esprime "soddisfazione"

Il Tribunale di Ravenna ha ammesso Cmc Ravenna alla procedura di concordato preventivo. Ad annunciarlo è la stessa cooperativa che, in una nota, esprime "soddisfazione". Si tratta, sottolinea, di "un passo molto importante ai fini dell'implementazione del piano, che attesta la validità della strada intrapresa e delle azioni messe in campo fino a questo momento dal management tutto e dal primari advisors impegnati sin dal primo momento".

Il piano presentato dalla società, ricorda Cmc Ravenna, prevede la continuità aziendale della cooperativa e la soddisfazione integrale dei creditori in prededuzione, di quelli privilegiati e dei fornitori strategici, ma anche la soddisfazione parziale e non monetaria degli altri creditori chirografari con l'attribuzione di strumenti finanziati partecipativi. "La società ha piena fiducia nelle importanti misure contenute nel piano concordatario ritenendo che la soluzione stand alone sia, ad oggi, la più coerente con l'attuale base sociale. In questa ottica, si comunica altresì che Cmc ha avviato una fase di riorganizzazione interna, volta a efficientare e rilanciare le attività industriali di lungo periodo. Ne consegue pertanto che ogni ipotesi circolata in questi giorni sui media circa un coinvolgimento sotto varie forme al Progetto Italia è in realtà destituita di ogni fondamento", conclude la nota.

"Tutta la nostra comunità accoglie con grande fiducia l’approvazione del concordato - commenta il sindaco Michele de Pascale - Si tratta di un primo passaggio, ma fondamentale per il futuro della Cmc, l’azienda cooperativa inscindibilmente legata alla nostra città. Ora è indispensabile andare avanti con coraggio nell’attuazione del piano, consapevoli che le professionalità e le capacità degli uomini e delle donne della Cmc sono una grande risorsa per tutto il sistema Paese. Abbiamo dunque fiducia nel fatto che questo possa essere solo il primo di tanti passi da fare nella direzione giusta".

Soddisfazione arriva anche da Legacoop Romagna: "È una decisione molto importante per il futuro della cooperativa. La decisione del giudice Farolfi certifica la correttezza del piano preparato dagli advisor e condiviso dai soci. Ci auguriamo che anche i prossimi passaggi si risolvano positivamente e che un patrimonio tanto importante di competenze possa venire salvaguardato e rilanciato".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • Si allena con la bici per l'Ironman, ma in autostrada: caos sull'A14

  • Camion resta bloccato sul ponte: "Pericolosissimo, si aspetta che crolli?"

  • Scoppia un incendio nell'azienda di pallet: alta colonna di fumo nero in cielo

  • Escort e over 45, trasgressione senza età: il lato piccante di Ravenna

  • Sbanda con l'auto e finisce contro la colonnina del metano: Vigili del fuoco al lavoro

Torna su
RavennaToday è in caricamento