Coldiretti: "Azzerate le importazioni di grano dal Canada, il vento sta cambiando"

E’ quanto emerge da un'analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat dalla quale si evidenzia che il Paese nordamericano dopo molti anni ha drasticamente perso il ruolo di leader degli esportatori di grano in Italia

“Il vento finalmente sta cambiando: dopo aver toccato con mano anche sul nostro territorio quali sono le speculazioni quotidiane in essere sul prezzo del grano, visto che quasi il 15% della superficie agricola del Ravennate è investita a grano duro, confidiamo che questa rivoluzione a tinte tutte tricolori possa finalmente non solo garantire più tutela ambientale e sicurezza alimentare per i consumatori, che possono ora contare su pasta veramente made in Italy e 'Glifosato free', ma anche contribuire al giusto riconoscimento reddituale per i nostri produttori”. Questo il primo commento del Presidente di Coldiretti Ravenna, Massimiliano Pederzoli, dopo essere venuto a conoscenza che risultano praticamente azzerate le importazioni di grano duro dal Canada nel gennaio 2018 dopo che nel 2017 erano già crollate del 29%.

E’ quanto emerge da un'analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat dalla quale si evidenzia che il Paese nordamericano dopo molti anni ha drasticamente perso il ruolo di leader degli esportatori di grano in Italia. Si tratta degli effetti del generale riposizionamento dell’industria pastaia in una situazione in cui il Canada è stato fino a ora il principale fornitore di grano duro nel nostro Paese per un quantitativo che nel 2017 è stato pari a 720 milioni di chili, a fronte di 4,3 miliardi di chili prodotti in Italia. In altre parole un pacco di pasta su sei prodotto in Italia era ottenuto con grano canadese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il drastico cambiamento è stato determinato dal fatto che in Canada il grano duro viene trattato con l’erbicida glifosato in preraccolta, secondo modalità vietate in Italia, come denunciato più volte da Coldiretti - spiega Pederzoli - Il crollo dell’import è una risposta alla domanda dei consumatori che chiedono in misura crescente la garanzia di italianità della pasta acquistata come dimostra la rapida proliferazione di marchi e linee che garantiscono l’origine nazionale al 100% del grano impiegato. In questo contesto è stato siglato in Italia il più grande accordo sul grano biologico mai realizzato al mondo per quantitativi e superfici coinvolte tra Coldiretti, Consorzi agrari d’Italia, Fdai (Firmato dagli agricoltori italiani) e il Gruppo Casillo che prevede la fornitura di 300 milioni di chili di grano duro biologico destinato alla pasta e 300 milioni di chili di grano tenero all’anno per la panificazione. L’intesa ha una durata di tre anni con la possibilità di una proroga per altri due, per un totale di 5 anni".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Scoppia un incendio nell'allevamento: tanti uccelli morti tra le fiamme

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro un muretto: grave incidente sulla Brisighellese

  • Fase due, Bonaccini: "Prudenza o tra qualche settimana dovremo richiudere"

Torna su
RavennaToday è in caricamento